Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cassa depositi e prestiti nel finanziamento agli enti locali

La Cassa Depositi e Prestiti: è questo l'oggetto della mia trattazione. Un' istituzione pubblica che sta attraversando un periodo di profondo cambiamento ma che continuerà ad avere un ruolo di primo ordine nell' economia italiana. Nell' analisi mi sono proposto di chiarire i suoi tratti fondamentali della sua economia, di ricostruirne l' evoluzione storica, capire come ed in quali mercati opera. Ne ho analizzato i bilanci, i rapporti con il Tesoro, i legami partecipativi. Infine il tratto che più mi incuriosiva: i rapporti tra CDP ed Enti locali. Tentare di comprendere il suo ruolo nel processo di trasformazione della finanza italiana partendo dal dopoguerra passando per gli anni 70'-80', in cui si era immaginato di finanziare tutto con debito pubblico, fino ad arrivare ai giorni nostri, dei vincoli di Maastricht. Infine ho analizzato la trasformazione della CDP da Ente Pubblico ad s.p.a.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La Cassa depositi e Prestiti: è questo l’ oggetto della mia trattazione. Un’ istituzione pubblica che sta attraversando un periodo di profondo cambiamento ma che nel corso della sua storia ha avuto, ha e, si spera, continuerà ad avere un ruolo di primo ordine nell’ economia italiana. Nell’ analisi mi sono proposto anzitutto di chiarire i tratti fondamentali della sua economia, di ricostruirne l’ evoluzione storica, capire come ed in quali mercati opera. Inoltre ho analizzato la CDP dal punto economico-finanziario. Ne ho analizzato i rapporti con il Tesoro, i legami partecipativi, i bilanci. Infine sono passato all’ aspetto che più mi incuriosiva. I rapporti tra CDP ed Enti locali. Tentare di comprendere il ruolo di tale soggetto nel processo di trasformazione della finanza italiana,partendo dal dopoguerra, passando per il periodo degli anni settanta-ottanta, in cui si era immaginato che tutto potesse finanziarsi col debito pubblico, fino ad arrivare ai giorni nostri, dei trasferimenti agli EL drasticamente ridotti e dei vincoli di Maastricht.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Fabrizio Aniballi Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3801 click dal 11/07/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.