Skip to content

Dall'Italia in America e dall'America in Italia. La vicenda di Gaetano Bresci nell'epoca degli attentati.

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Serra
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Domenico Selis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

Il lavoro verte sulla figura chiave dell'anarchico Gaetano Bresci, personaggio importante per capire il passaggio dell'Italia dal XIX al XX secolo, periodo di profonde crisi politico-istituzionali. La tesi è formulata in un approccio multidisciplinare che investe ambiti - oltre che storico politologici - giuridici, sociali ed economici.
Gaetano Bresci, personaggio molto spesso dimenticato e condannato dall'opinione pubblica per l'assassinio di Umberto I, in realtà è figlio del suo tempo, una sorta di personificazione del malessere generale che aleggiava nell'Italia umbertina. Fame, miseria e calamità naturali ridussero la popolazione italiana dell'epoca in condizioni di forte indigenza, aggravate dalle legislazioni speciali che compressero e limitarono fortemente le libertà costituzionali individuali. Si susseguirono perciò numerosi attentati contro la figura del sovrano, che avevano come unico movente la fame, ancorché con un background anarchico. Gaetano Bresci pose fine all'esistenza di Umberto I e contribuì - pur essendo ovviamente deprecabile il suo atto di violenza - a cambiare il corso degli eventi italiani. Nell'analisi di questo evento storico sono state inoltre prese in considerazione tutte le oscure vicende relative all'incarcerazione e alla morte del regicida di Monza, tuttora apparentemente misteriose e oscure e che dimostrano tuttavia inequivocabilmente che Gaetano Bresci non si suicidò ma fu fatto assassinare, molto probabilmente, dai vertici governativi. Una storia quindi, oltre che di indubbio interesse storiografico, anche avvincente dal punto di vista della trama. Inoltre vengono analizzate le varie tesi storiografiche senza privilegiarne una in particolare, ma lasciando al lettore la possibilità di utilizzare una propria chiave di lettura, sempre basata, però, su dati oggettivi. Il lavoro si conclude con una breve riflessione sul mondo degli attentati del passato e su quelli del presente e sul terrorismo internazionale, tema quanto mai attuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La sera del 29 Luglio del 1900 tre, o forse quattro, colpi di pistola, tolsero la vita all’allora sovrano d’Italia Umberto I. A sparare fu un giovane uomo originario di Prato, Gaetano Bresci. Chi era costui? E soprattutto, quali furono i motivi che lo spinsero ad agire in tal senso? In questo lavoro si cercherà di affrontare la vicenda storica, politica e umana del regicida che col suo gesto lasciò una forte impronta nel corso della storia politico- istituzionale d’Italia. Un uomo sul quale ancora oggi pendono molte ombre, sia dal punto di vista storiografico, che biografico. Dal punto di vista storiografico la documentazione e gli studi non sono certo sterminati, ma è possibile discernere alcune teorie e correnti di pensiero, peraltro contrapposte, che delineano modelli ben precisi. Si cercherà, perciò, di proporle e di compararle evidenziando gli apporti significativi che esse forniscono alla conoscenza dei fatti, ma anche le relative lacune. L’intento di questo lavoro si basa altresì su un postulato fondamentale: presentare i fatti e le opinioni senza assumere una posizione netta a favore dell’una o dell’altra tesi: troppo spesso Gaetano Bresci è stato bollato con appellativi estremamente contrastanti e riduttivi, quali “terrorista”, “assassino”, “regicida crudele”, oppure al contrario, come “giustiziere”, “braccio armato dal popolo”, “vendicatore dei miseri” ecc. Non si tratta di tessere le lodi o condannare a priori l’uomo Bresci. Si tratta invece di fare uno sforzo intellettuale che permetta di lasciare da parte l’atto oggettivo compiuto in quei pochi secondi e, ponderando i fatti attraverso il filtro della Storia, valutare cause e conseguenze che culminarono in quel gesto estremo. Tante ipocrisie segnarono la vicenda umana di Bresci, siano state esse di condanna o di approvazione: capendo questo intreccio di temi il lettore riuscirà a farsi un’idea più ampia e svincolata dai pregiudizi storici ed ideologici. Non si deve neppure dimenticare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi