Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sindacato e diritto comunitario

la tesi analizza la situazione attuale della confederazione europea dei sindacati, l'azione del sindacato e dello sviluppo della politica sociale europea, anche in relazione all'ultimo recente allargamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Strutturalmente dislocato nel cuore delle forze produttive e per sua natura e vocazione rivolto al controllo delle misure che ne governano i rapporti economico-sociali, il sindacato è probabilmente l’attore collettivo sul quale si scaricano in questi anni «gli effetti congiunti della nuova grande trasformazione» 1 . Ancor più che su altri pilastri fondamentali del sistema democratico e della rappresentanza politica – le istituzioni parlamentari, i partiti - è nei riguardi del sindacato che i fattori di crisi sembrano dividersi tra l’innovazione dei modelli della produzione economica, la sfera regolativa dei diritti e le espressioni della soggettività. Nessuna delle proprietà che si è soliti imputare all’esercizio tipico della rappresentanza sindacale si può dire che esca oggi indenne dai mutamenti oggettivi e soggettivi in atto, sia che si tratti della sfera della rappresentanza sindacale, di quella negoziale oppure di quella politica. In questa sede si vuole analizzare la tematica dei rapporti tra Sindacati, Stati nazionali e Unione Europea. Tematica che «coinvolge e sintetizza questioni realmente centrali della disciplina del lavoro, in chiave interdisciplinare, da un lato, e comparata, dall’altro» 2 . Essa consente di valutare, inoltre, lo stato delle condizioni del lavoro nei diversi paesi, in un momento particolarmente delicato in quanto connesso all’allargarsi dei confini dell’Unione, all’affermarsi di più o meno prevalenti modelli di regolazione del sistema, al continuo incontro/scontro tra prospettive diametralmente opposte (neoliberismo e persistente intervento dello Stato), le quali debbono fare i conti con il momento economico-finanziario non certo entusiasmante. 1 LEONARDI S., Sindacato, lavoro e classi sociali, in RGL, 2001, I, p. 151 ss., app.168-169. 2 ZILIO GRANDI G., Spunti sui modelli relazionali tra Stato, sindacato, e imprese negli Stati membri e nell’Unione europea, Dir. Delle Rel. Ind., n. 4/2003, p. 831.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Elena Proietti Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2575 click dal 14/07/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.