Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato italiano del credito al consumo

Il credito al consumo – identificabile come prestito alle famiglie e strutturabile in differenti tipologie (carte di credito, prestiti personali, credito finalizzato, ecc.) – è un fenomeno in costante crescita in Italia, da quando a partire dalla seconda metà degli anni ottanta ha cominciato a diffondersi; il tasso di sviluppo di questo comparto del credito non raramente ha superato nel corso dell’ultimo decennio il 10% annuo. Ma, se rapportato al reddito disponibile, il credito al consumo italiano risulta ancora ampiamente inferiore rispetto a quello dei principali Paesi industrializzati e in special modo degli Stati Uniti, Paese in cui tale forma di credito ha raggiunto dimensioni notevoli.
La presente trattazione si propone di studiare da un lato le caratteristiche del mercato italiano del credito al consumo, dall’altro i principali driver di sviluppo di tale mercato.
Con riferimento all’Italia, Paese in cui la nascita e la crescita del settore prestiti alle famiglie è avvenuta piuttosto tardi, si cercherà di individuare i principali fattori che ne hanno ostacolato la crescita in passato e quelli che ne hanno determinato lo sviluppo attuale.
Al fine di raggiungere gli obiettivi suddetti, ci si propone di studiare la struttura della domanda di credito al consumo e le variabili economiche che ne influenzano l’andamento; gli stili di consumo succedutesi in Italia negli ultimi cinquant’anni e la tipologia di consumi che meglio si adatta alla creazione di un mercato del credito al consumo; l’offerta italiana di credito al consumo e le principali caratteristiche che un’offerta di credito al consumo dovrebbe presentare per indurre un numero maggiore di individui all’indebitamento; le moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione che rendono l’offerta di credito al consumo più efficiente e il livello di diffusione in Italia; la legislazione comunitaria e italiana sul credito al consumo e il livello di tutela da essa accordata ai consumatori; si studierà, infine, il mercato statunitense del credito al consumo, principale modello di riferimento per i prestiti alle famiglie.

Mostra/Nascondi contenuto.
VI INTRODUZIONE Il credito al consumo – identificabile come prestito alle famiglie e strutturabile in differenti tipologie (carte di credito, prestiti personali, credito finalizzato, ecc.) – è un fenomeno in costante crescita in Italia, da quando a partire dalla seconda metà degli anni ottanta ha cominciato a diffondersi; il tasso di sviluppo di questo comparto del credito non raramente ha superato nel corso dell’ultimo decennio il 10% annuo. Ma, se rapportato al reddito disponibile, il credito al consumo italiano risulta ancora ampiamente inferiore rispetto a quello dei principali Paesi industrializzati e in special modo degli Stati Uniti, Paese in cui tale forma di credito ha raggiunto dimensioni notevoli. La presente trattazione si propone di studiare da un lato le caratteristiche del mercato italiano del credito al consumo, dall’altro i principali driver di sviluppo di tale mercato. Con riferimento all’Italia, Paese in cui la nascita e la crescita del settore prestiti alle famiglie è avvenuta piuttosto tardi, si cercherà di individuare i principali fattori che ne hanno ostacolato la crescita in passato e quelli che ne hanno determinato lo sviluppo attuale. Al fine di raggiungere gli obiettivi suddetti, ci si propone di studiare la struttura della domanda di credito al consumo e le variabili economiche che ne influenzano l’andamento; gli stili di consumo succedutesi in Italia negli ultimi cinquant’anni e la tipologia di consumi che meglio si adatta alla creazione di un mercato del credito al consumo; l’offerta italiana di credito al consumo e le principali caratteristiche che un’offerta di credito al consumo dovrebbe presentare per indurre un numero maggiore di individui all’indebitamento; le moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione che rendono l’offerta di credito al consumo più efficiente e il livello di diffusione in Italia; la legislazione comunitaria e italiana sul credito al consumo e il livello di tutela da essa accordata ai consumatori; si studierà, infine, il mercato statunitense del credito al consumo, principale modello di riferimento per i prestiti alle famiglie.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Rosanna Servidio Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10838 click dal 15/07/2005.

 

Consultata integralmente 46 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.