Skip to content

La tutela della proprietà intellettuale in Europa: evoluzione alla luce del futuro brevetto comunitario

Informazioni tesi

Master in studi avanzati di diritto europeo e transnazionale
  Autore: Gianpiero Coccia
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Laura Masotto
Istituito da: Università degli Studi di Trento
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

L'opera prende in esame la tutela giurisdizionale offerta a livello comunitario in materia di proprietà intellettuale. In particolare è stato operato un confronto tra l'attuale e definita disciplina del marchio comunitario e la futura regolamentazione giurisdizionale come emerge dai progetti circa il brevetto comunitario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione L’evoluzione della disciplina in materia di proprietà intellettuale, 1 e conseguentemente degli strumenti di tutela approntati a garanzia dei diritti dei singoli, ha assistito in particolar modo a cominciare dalla metà degli anni ’70 ad un continuo e progressivo perfezionamento. L’attuale panorama pertanto – lungi dall’aver raggiunto una compiuta e definitiva sistemazione – si presenta frastagliato e difficilmente intelligibile non solo agli occhi dei giuristi, ma soprattutto – e questo è quanto più dovrebbe importare – agli occhi degli stessi operatori economici nei quali la disciplina trova i soggetti naturali cui è rivolta. 1 È opportuno sin da principio affrontare una questione preliminare allo studio della materia onde evitare imprecisioni semantiche, peraltro conseguenza, come verrà sottolineato più avanti, della disorganicità che caratterizza la materia in sé. In tale contesto l’espressione “proprietà intellettuale” verrà utilizzata nell’accezione più ampia possibile per indicare l’insieme dei diritti posti a tutela di ciò che nel diritto interno va comunemente sotto il nome di proprietà industriale e proprietà immateriale. In particolare intenderà ricomprendersi l’insieme dei diritti riconosciuti da un dato ordinamento per la tutela del brevetto per invenzione, del marchio d’impresa, del diritto d’autore, dei modelli e disegni ornamentali, del diritto di costituzione di specie vegetali e dei diritti connessi. Tale precisazione è d’obbligo in quanto non tutte le fonti che regolano la materia utilizzano la stessa terminologia, preferendo talora l’espressione “proprietà industriale e commerciale”, contemplata per esempio dallo stesso articolo 30 del Trattato CE. Quest’ultima formula, utilizzata dai redattori del Trattato, ha fatto sorgere nel corso degli anni non pochi dubbi di interpretazione, in particolare con riferimento ai diritti di proprietà letterale ed artistica che, secondo alcuni autori, non dovrebbero essere compresi nella dicitura dell’articolo 30 e quindi non dovrebbero interessare l’attività comunitaria. Questi dubbi sorsero perché negli ordinamenti di alcuni Stati membri il copyright non è considerato nell’insieme dei diritti di proprietà industriale o commerciale, ma viene incluso nella “proprietà intellettuale od artistica” (cfr. Oliver, Free movement of goods in the European Community: under articles 30 to 36 of the treaty of Rome, Londra 1996, pag. 242). Tali incertezze furono però chiarite da una sentenza della Corte di Giustizia (caso Musik Vertrieb Membran c. GEMA, cause 55 e 57/80, sentenza del 1981), in occasione della quale la Corte dichiarò che «l’espressione “tutela della proprietà industriale e commerciale” di cui all’articolo 36 del trattato CEE (attuale art. 30 del Trattato CE) comprende la tutela data dal diritto d’autore, in particolare qualora questo venga sfruttato commercialmente mediante la concessione di licenze che possono incidere sulla distribuzione, nei vari Stati membri, di merci che incorporano l’opera letteraria o artistica tutelata».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brevetto comunitario
marchio comunitario
proprietà intellettuale
trattato di nizza
tribunale del brevetto comunitario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi