Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto di lavoro sportivo

Ogni tentativo di classificazione degli sports è reso difficoltoso dal fatto che una disciplina può appartenere nello stesso tempo a più categorie, a seconda del criterio di tipologizzazione scelto.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1 SPORT: INTRODUZIONE ETIMOLOGICA Sport è voce inglese di dubbia etimologia. Secondo la tesi più accreditata essa sarebbe di origine neolatina (deportare) trasformatasi nel francese antico in desport, déport (“divertimento” o “svago”, che designa le discipline e i giochi, individuali o di squadra, praticati a livello amatoriale o agonistico e regolati da norme codificate), da cui deriva l’italiano “diporto” (termine sopravvissuto solo in ambito letterario e in quello marinaresco e aeronautico per indicare le imbarcazioni e i velivoli di uso non commerciale).(1) Il termine inglese dal mondo anglosassone si e’ venuto diffondendo ovunque, allargando i limiti della sua accezione fino a diventare sinonimo d’alternativa all’attività lavorativa e, in genere, a quelle attività che sono caratterizzate da un elemento di necessità. Questa parola, caratterizzata dall’aspetto ludico insito fin dai primordi delle civiltà, rischia così di estendere il suo significato e il suo uso fino a confondersi con i termini “gioco”, “divertimento”. Gli elementi caratterizzanti lo sport possono essere minimalmente focalizzati: finalità ludica che esprime l’assoluto disinteresse di una scelta con la convinzione di compiere un’attività volontariamente eletta a fondamentale scopo di divertimento; l’agonismo caratterizzato da un certo spirito combattivo ricollegabile spesso al desiderio di migliorare un primato senza una diretta rivalita’ di gara o anche solo per superare proprie prestazioni; lo sforzo fisico che chiarisce la qualità di un impegno preminentemente fisico, tenuto su livelli relativamente alti di rendimento con conseguente dispendio d’energie. Lo sport contribuisce per il 2,5% al P.I.L. nazionale e le famiglie italiane spendono il 4% della loro spesa annua totale per beni e servizi legati alle attività sportive.(2) Tra i risultati più prestigiosi dello sport italiano si deve annoverare la conquista di un posto di primo piano nella società, della quale costituisce oggi uno dei fenomeni più estesi e significativi, come es- pressione della vitalità sociale e al tempo stesso come suo elemento propulsore di grande (1) Sui significati che il termine ha assunto nelle diverse epoche storiche a partire dal Rinascimento, vedi JULMANN, De la gymnastique aux sports moderns, Paris, 1965, pag. 324 segg. (2) Si veda Dentro lo sport, primo rapporto sullo sport in Italia, dinamiche sociali economiche e valoriali,in I libri del sole 24 ore sport, gennaio 2003, Milano.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Dario Simone Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4187 click dal 19/07/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.