Skip to content

Responsabilità sociale delle imprese

Informazioni tesi

  Autore: Floriana Nanula
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Urga Rosa Maria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 262

All’esposizione delle motivazioni che hanno sorretto la scelta dell’argomento oggetto della ricerca, segue un primo capitolo dove viene analizzato il concetto di responsabilità sociale d’impresa elaborato dalla Commissione Europea nel Libro Verde .La Commissione Europea si propone di lanciare un ampio dibattito sui modi nei quali l’UE potrebbe promuovere la RSI , ricordando che il principio base è la decisione di propria iniziativa di contribuire a migliorare la società e rendere più pulito l’ambiente. Viene presa in esame sia la dimensione interna della RSI, dal lavoro qualificato, alla salute e sicurezza nel lavoro, alle ristrutturazioni registrate in Europa che suscitano inquietudine in tutti i lavoratori dipendenti e parti interessate, alla gestione degli effetti sull’ambiente, sia la dimensione esterna della RSI con particolare attenzione alle comunità locali, ai partnership commerciali , ai diritti dell’uomo . Vengono spiegati gli strumenti usati per avere una maggiore trasparenza nelle pratiche sulla RSI .La trasparenza è una componente essenziale del dibattito sulla RSI, in quanto aiuta le imprese a migliorare le loro pratiche e il loro comportamento, ponendo attenzione ai codici di condotta che sono strumenti innovativi per la promozione dei diritti fondamentali dell’uomo, alle norme di gestione che consentirebbero una visione chiara delle ripercussioni in ambito sociale e ambientale , alla misurazione delle prestazioni, alle elaborazioni di relazioni e audit basate secondo un triplice approccio basato su indicatori economici, sociali, ed ecologici , ai marchi di qualità in particolare sulle etichette sociale ed ecologiche dal momento che i consumatori dimostrano una preferenza sempre più spiccata per prodotti e servizi che confermino la responsabilità sociale ed ambientale delle imprese attraverso una informazione accurata, ed infine agli investimenti socialmente responsabili , etici o finanza etica che hanno la funzione di prendere in esame anche valori etici nella definizione delle scelte di investimento, oltre ai tradizionali metodi “finanziari”, un ulteriore paragrafo tratterà un confronto tra responsabilità sociale ed ambientale.
Il secondo capitolo viene dedicato al confronto tra responsabilità sociale italiana ed europea , con particolare riguardo al contesto italiano e ai risultati in dettaglio raggiunti il 14 novembre 2003 dal Governo Italiano in occasione della Terza Conferenza Europea sulla CSR a Venezia, vengono fatti alcuni cenni sulla nozione di codice etico .
Il terzo capitolo viene dedicato ad un breve escursus storico sull’evoluzione del concetto sostenibile attraverso Thomas Robert Malthus, filosofo inglese ,che già nel 1878 nei suoi scritti predisse una sua preoccupazione per l’ambiente allora con un bassissimo tasso di inquinamento,e moltissimo spazio fisico disponibile per il genere umano e mostrò ulteriore preoccupazione per le popolazioni umane che sarebbero cresciute in modo esponenziale generando in futura una sicura catastrofe. Nel suddetto capitolo si citano i vari Consigli , quindi, partnership mondiali per lo sviluppo sostenibile, ed infine cenni sugli strumenti di verifica e modelli di rendicontazione sociale.
Nel quarto capitolo viene spiegata , invece, l’impresa sostenibile e la misurazione della performance sociale attraverso la norma SA 8000, una certificazione etica che premia un’impresa per la correttezza di rapporti e di trattamento e per il rispetto dei diritti dei suoi dipendenti , ricordando che la Lombardia (17.010) seguita dal Veneto (7.790) sono le regioni con più aziende certificate al 2004 .
Il quinto capitolo , spiega il regolamento Emas ed Iso 14000 , un regolamento comunitario, sulla tutela ambientale dell’Unione Europea , per rendere effettivo il principio di sostenibilità . La stesura di questo capitolo , ha richiesto, un approfondimento attraverso due corsi tecnici sui sistemi di gestione ambientale ISO ed EMAS tenutosi alla Biennale Internazionale di Comunicazione Ambientale di Venezia (marzo 2004) organizzato dalla ”SDA Bocconi” da Fabio Araldo componente del Comitato EMAS.
Il sesto capitolo è dedicato alla osservazione diretta dell’applicazione dei principi della responsabilità sociale delle imprese nella “Calia salotti di Matera” a cui è stato assegnato premio Sodalitas Social Award nel 2004 per la migliore partnership nella comunità e il premio AIRC Aziende Attive , dal Presidente della Repubblica Ciampi.
Infine, nelle conclusioni , sono state riportate le osservazioni critiche sulla Responsabilità sociale delle imprese, pubblicate per la prima volta in un dossier a firma di Clive Crook, sul settimanale economico inglese “The Economist”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 RESPONSABILITA’ SOCIALE DELLE IMPRESE Il concetto di responsabilità sociale delle imprese significa essenzialmente che esse decidono di propria iniziativa di contribuire a migliorare la società e rendere più pulito l’ambiente. Le imprese sono sempre più consapevoli del fatto che la responsabilità sociale può rivestire un valore economico diretto. Anche se la loro responsabilità principale è quella di generare profitti, le imprese possono al tempo stesso contribuire ad obiettivi sociali e alla tutela dell’ambiente, integrando la responsabilità sociale come investimento strategico nel quadro della propria strategia commerciale, nei loro strumenti di gestione e nelle loro operazioni. La responsabilità sociale dell’impresa, così come la gestione della qualità, deve essere considerata come un investimento e non come un costo. La Responsabilità sociale delle imprese (Csr) Corporate social responsibility è il nuovo strumento con cui le aziende si mettono in gioco sul mercato. Le imprese oggi si sentono “soggetto sociale” e destinano parte del loro budget alla realizzzazione di partnership con la comunità e con il territorio.Basti pensare che la spesa italiana in campagne sociali nel 2002 è stata pari a 78 milioni di euro, suddivisi tra 119 aziende. Si va dalle donazioni allo sviluppo economico locale, dalla creazione di occupazione al miglioramento oppure all’attivazione di servizi , dalla collaborazione di enti, associazioni, imprese in cause di utilità sociale alla promozione tra i cittadini e le imprese della Csr stessa. Il 65% dei consumatori , per esempio, dichiara di preferire il prodotto di una impresa orientata effettivamente al sociale. Essere socialmente responsabili significa non solo soddisfare gli obblighi giuridici applicabili, ma anche andare al di là investendo “di più” nel capitale umano, nell’ambiente e nei rapporti con le parti interessate. All’interno delle imprese, le prassi socialmente responsabili hanno riflessi in primo luogo sui dipendenti e riguardano ad esempio gli investimenti nel capitale umano, nella salute e nella sicurezza e nella gestione del cambio, mentre le prassi ecologiche responsabili riguardano soprattutto la gestione delle risorse naturali utilizzate nella produzione. Attualmente , una delle maggiori sfide che debbono affrontare le imprese è di attrarre e conservare i lavoratori qualificati. Particolare importanza rivestono l’istruzione e la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
corporate social responsibility
economia
impresa sostenibile
imprese
premio sodalitas social awords
regolamento emas
responsabilità sociale delle imprese
sa 8000
sviluppo sostenibile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi