Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dall' arte alla produzione, il caso Cittadellarte

Questo elaborato si propone di pensare a come l'arte possa creare valori nuovi e punti di partenza per uno sviluppo innovativo dell'economia, in grado di far fronte alla minaccia della globalizzazione e risultare comunque vincente in un mondo sempre più appannaggio delle multinazionali. Queste riflessioni si basano su un impegno alla valorizzazione dei territori e delle singole (medio- piccole) realtà locali.
A prova di tutto questo è citato l'esempio di CITTADELLARTE.IT, sede virtuale di Cittadellarte, Fondazione Pistoletto sita a Biella.
Pistoletto, noto artista contemporaneo, con la sua fondazione e in occasione della 51° biennale di Venezia, ha dato un esempio concreto di come l'arte possa essere fucina di valori e pratiche produttive vincenti e socialmente utili.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - Finché rimaniamo generici chiunque può imitarci, mentre il nostro particolare non può imitarlo nessuno; perché? Perché gli altri non lo hanno vissuto. Johann Wolfgang Göethe PRIMO CAPITOLO “una montatura per occhiali appena uscita da una fabbrica del distretto bellunese d’occhiali viene pagata dal distributore, che l’acquista, una cifra – diciamo 7 euro – che è 10 volte inferiore a quella, 70 euro, che , qualche mese dopo, sarà pagata dal consumatore acquistando lo stesso occhiale presso il suo ottico di fiducia. Se poi quella montatura è griffata da un grande nome della moda il suo prezzo al consumo raddoppia ulteriormente.” E’ questo l’esempio clamoroso che Rullani cita all’inizio del suo libro “la fabbrica dell’immateriale”, esempio lampante di come l’economia stia inevitabilmente cambiando. La discussione s’incentra sul perché di quei 63 euro di differenza. La risposta viene data dicendo che la maggior parte di quella cifra è il compenso che il consumatore finale è disposto a pagare per il significato immateriale che egli associa a quello specifico oggetto materiale; e al produttore manifatturiero non resta che “giocarsi” i pochi 7 euro rimasti.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Ilaria Paparella Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1508 click dal 26/07/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.