Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La soddisfazione personale, la qualità della vita e il burnout negli operatori socio-sanitari della disabilità.

Negli ultimi anni l’attenzione sul tema della disabilità ha acquistato sempre maggiore interesse da parte di operatori di questo settore fino a decretare, quest’anno 2003 come l’anno europeo della disabilità.
Quest’ anno è servito a fare il punto sui lavori svolti, sulle ricerche scientifiche fatte in campi anche differenti da quello psicologico e sugli argomenti ancora da trattare ed approfondire, sulla necessità di avere un linguaggio comune in modo da riuscire a comunicare e ad evitare ogni possibile confusione derivante da termini quali menomazioni , disabilità ed handicap che, ancora oggi, portano con sé e in sé strascichi di pregiudizi ed emarginazione.
E’ allora sempre più attuale l’importanza da dare a queste tematiche, ai servizi che si occupano di disabilità e di riabilitazione, in modo da tenere sotto monitoraggio gli enti stessi, le associazioni, le strutture pubbliche e quelle private al fine di avere un costante aggiornamento sulla qualità della vita degli operatori dei servizi, delle persone e delle famiglie delle persone con disabilità, sugli obiettivi raggiunti e sul lavoro che deve essere ancora svolto.
Il lavoro di ricerca verte proprio su tematiche relative alla soddisfazione degli operatori, alla loro qualità della vita nei servizi socio-assistenziali pubblici, in strutture private diurne e residenziali ma convenzionate al Servizio Nazionale, in centri occupazionali diurni della provincia di Udine e nel Servizio di Neuropsichiatria Infantile e dell’ Adolescenza e del Centro Riabilitativo Infantile dell’ Ospedale Gervasutta di Udine, al fine di conoscere il livello di soddisfazione degli operatori nel lavoro che svolgono quotidianamente a stretto contatto con le persone disabili.
La prima parte del lavoro è indirizzata a definire alcuni concetti fondamentali; quando si vuole parlare di menomazione, di disabilità e di handicap si deve utilizzare una terminologia corretta al fine di non sostenere degli stereotipi e delle barriere mentali che risultano, alle volte, più insormontabili di quelle architettoniche.
Nel secondo capitolo, invece, si presenta il concetto di qualità della vita, di stress e di burnout relativo agli operatori che lavorano nel campo socio-assistenziale con particolare riferimento a ricerche e lavori già svolti in questo ambito.
La seconda parte, invece, si occupa della ricerca svolta in alcune strutture socio-assistenziali pubbliche, in alcuni centri occupazionali diurni e in alcune strutture socio-sanitarie private residenziali e diurne ma convenzionate con il Servizio Nazionale della provincia di Udine, del Servizio di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza e del centro Riabilitativo Infantile dove si è voluto analizzare, attraverso la somministrazione di questionari, la soddisfazione e la qualità della vita degli operatori che si occupano quotidianamente di disabilità; inoltre sono stati analizzati i livelli di abilità delle persone presenti nei medesimi servizi, soggetti che sono stati scelti dagli stessi operatori al fine di dare una visione complessiva delle potenzialità e del livello di autodeterminazione dei diversi Centri; nel quarto capitolo saranno riportate le analisi e la discussione dei dati relative ai due gruppi della ricerca e le relative considerazioni conclusive.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PRESENTAZIONE Negli ultimi anni l’attenzione sul tema della disabilità ha acquistato sempre maggiore interesse da parte di operatori di questo settore fino a decretare, quest’anno 2003 come l’anno europeo della disabilità. Quest’ anno è servito a fare il punto sui lavori svolti, sulle ricerche scientifiche fatte in campi anche differenti da quello psicologico e sugli argomenti ancora da trattare ed approfondire, sulla necessità di avere un linguaggio comune in modo da riuscire a comunicare e ad evitare ogni possibile confusione derivante da termini quali menomazioni , disabilità ed handicap che, ancora oggi, portano con sé e in sé strascichi di pregiudizi ed emarginazione. E’ allora sempre più attuale l’importanza da dare a queste tematiche, ai servizi che si occupano di disabilità e di riabilitazione, in modo da tenere sotto monitoraggio gli enti stessi, le associazioni, le strutture pubbliche e quelle private al fine di avere un costante aggiornamento sulla qualità della vita degli operatori dei servizi, delle persone e delle famiglie delle persone con disabilità, sugli obiettivi raggiunti e sul lavoro che deve essere ancora svolto. Il lavoro di ricerca verte proprio su tematiche relative alla soddisfazione degli operatori, alla loro qualità della vita nei servizi socio-assistenziali pubblici, in strutture private diurne e residenziali ma convenzionate al Servizio Nazionale e in centri occupazionali diurni della provincia di Udine, al fine di conoscere il livello di soddisfazione degli operatori nel lavoro che svolgono quotidianamente a stretto contatto con le persone disabili. La prima parte del lavoro è indirizzata a definire alcuni concetti fondamentali; quando si vuole parlare di menomazione, di disabilità e di handicap si deve utilizzare una terminologia corretta al fine di non sostenere degli stereotipi e

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Silvia Liut Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8676 click dal 13/09/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.