Skip to content

La tutela penale della privacy

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Demurtas
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giovanni Cocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

Approfondita analisi del percorso legislativo della tutela della privacy in Italia, con particolare riguardo per la sua tutela penale, analisi specifica delle fattispecie attualmente vigenti, e approfondimento sugli adempimenti dovuti dagli studi legali e dai professionisti in genere, con appendice contenente esempi di informative e richieste di consenso al trattamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE <<Ricordate, qualcuno vi tiene sempre sott'occhio. Usate i contanti quando vi è possibile. Non comunicate il numero di telefono, il numero della previdenza sociale o l'indirizzo se non quando assolutamente necessario. Non compilate questionari e non rispondete a chi vuole vendervi prodotti per telefono. Esigete dalle imprese di credito e dalle società di commercializzazione dati di conoscere tutte le informazioni di cui dispongono nei vostri riguardi, di far correggere eventuali errori e di togliere il vostro nominativo da elenchi di destinatari dei prodotti offerti. Controllate spesso la vostra cartella sanitaria. Se sospettate che un ente governativo abbia un fascicolo contenente dati che vi riguardano, chiedete di visionarlo. Bloccate la funzione di identificazione delle chiamate sul vostro telefono, e non fate inserire in elenco il vostro numero. Non usate mai i varchi elettronici per il pagamento di pedaggi stradali. Non lasciate mai acceso il cellulare - i vostri movimenti possono essere ricostruiti. Non utilizzate carte di credito o di debito per fare acquisti presso supermercati. Se dovete servirvi di Internet, cifrate la posta elettronica, rifiutate tutti i "cookies" e non indicate mai il vostro vero nome nel registrarvi presso i vari siti Web. Meglio ancora, usate il computer di qualcun altro. Nelle ore di lavoro, partite dal presupposto che tutte le chiamate, i messaggi nelle caselle vocali, la posta elettronica e l'uso del computer vengono continuamente monitorati>>. Queste parole, che potrebbero sembrare le elucubrazioni paranoiche di Unabomber, sono invece i consigli offerti dai più zelanti fra gli attuali sostenitori della privacy, riportati in un inchiesta pubblicata dall’Economist 1 . In un’era caratterizzata dal successo del Grande Fratello, spia di una diffusa tendenza al voyeurismo del mondo occidentale, e da uno sviluppo sempre più invasivo della tecnologia, si ripropone drasticamente il problema della tutela della privacy quale diritto fondamentale della persona che va difeso in tutti i modi. In questo senso, la normativa sui dati personali, approvata per la prima volta in Italia con la celebre L. 675/96, oggetto di numerosi interventi correttivi negli anni seguenti, sulla scorta della prassi e delle indicazioni giurisprudenziali, e approvata finalmente ad una “codificazione” definitiva con il D. lgs. 196/03 (che non a caso è stato denominato “Codice della privacy”), costituisce una delle pietre miliari che segnano il grado di civiltà di un paese. A onor del vero, c’è da sottolineare che le legislazione a tutela della riservatezza è stata imposta dalle direttive dell’Unione Europea, che, previa fissazione dei paletti fondamentali, ha obbligato tutti i Paesi membri a dotarsi di una disciplina in materia, ma queste innovazioni si inseriscono comunque in una tendenza più generale dell’Occidente a proteggersi dai nuovi pericoli risultanti dalla rivoluzione digitale. 1 The Economist, I Maggio 1999

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adempimenti
adempimenti professionista
codice privacy
d.lgs. 196/03
dati personali
diritto penale
formulario
garante
giurisprudenza
giustizia
misure di sicurezza
privacy
professione legale
ricorso
riservatezza
salute
sanzioni amministrative
tutela amministrativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi