Skip to content

Il cinema tra documento e fiction. L'Italia del miracolo economico vista da Fellini: 1948-1963.

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Scolari
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1994-95
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giuseppe Papagno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Questa tesi analizza il cinema tra documento e fiction. L'Italia del miracolo economico vista da Fellini: 1948-1963

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREFAZIONE Per quale motivo scegliere Federico Fellini per questa tesi? Perché si è scelto proprio lui per analizzare la cinematografia italiana in relazione ad un periodo storico che ha visto l'attivissima partecipazione di altri autori straordinari quali Rossellini, De Sica, Visconti, per non parlare di Cesare Zavattini che ha esercitato con i suoi scritti e le sceneggiature una grande influenza sul movimento neorealista? Per quale motivo scegliere un autore che, a differenza di tutti gli altri citati, ha fatto sempre cinema con la convinzione che esso fosse solo e sempre una meravigliosa finzione; un uomo che non ha mai creduto che il neorealismo fosse l'unica via, o la migliore, praticabile e che ha sempre rigettato la politica semplicemente perché la trovava noiosa? Da tutti questi particolari il personaggio Fellini appare agli antipodi di quello che necessiterebbe una ricerca che intende dimostrare la funzione della fiction come documento storico. I protagonisti delle vicende da lui narrate non vivono, infatti, cambiamenti epocali, non lottano per cambiare le cose, anzi subiscono la quotidianità con rassegnazione. Sono molto spesso degli emarginati, rifiuti della società che non hanno futuro e vivono con disperazione e passione animale l'esperienza della vita. La sua cinepresa si occupa quindi dell'Italia minore, della sua parte più nascosta che figura fugacemente nei libri di storia che si occupano, invece, della immensa trasformazione in atto nell'Italia del dopoguerra che sta diventando, con una rapidità insospettabile, una potenza industriale. Questo stravolgimento è un flusso inarrestabile che modifica tutto, prima di ogni altra cosa gli usi ed i costumi essenziali per la vita di questi personaggi che, trovatisi improvvisamente in una società che non solo non li considera, ma addirittura non li concepisce, scompaiono in silenzio dalla scena. Fellini li saluta uno ad uno con malcelata commozione, sapendo che essi sono gli ultimi esemplari della loro specie, comprendendo che rappresentano, pur con i loro immensi difetti, un residuo di tradizioni appartenenti, ormai, per intero alla storia del nostro paese. I suoi film degli anni cinquanta ci mostrano l'estinzione di questi "eroi" raffrontandoli alla realtà della nuova Italia che, uscita dal giogo fascista, riacquista vigore e entusiasmo. La trasfigurazione a cui questi personaggi sono sottoposti dalla poetica felliniana, li mistifica ai nostri occhi, ma non li rende meno veri, meno reali. Essi si muovono nel contesto dell'Italia rurale e delle periferie che viene saccheggiata dai profittatori collusi con il potere politico e repressa da uno stato che non si presenta mai tale, se non per punire episodici gesti di follia. Se dunque le vicende di Cabiria, Gelsomina, Zampanò ecc. sono al centro della immagine cinematografica, lo scenario entro cui si muovono è proprio la storia d'Italia, le tappe del suo processo di evoluzione. In tal senso il cinema di Fellini, e il cinema in generale, diventa documento storico. La significatività delle opere felliniane in questo contesto è aumentata inoltre dalla sensibilità, tipica di ogni grande artista e peculiare in Fellini, e dall'intuizione che il cineasta romagnolo ha mostrato nel comprendere con largo anticipo i mali e le inquietudini della società italiana mentre si stava avviando a vivere il miracolo economico. Non è un caso, ritengo, che in corrispondenza di un frangente particolare quale è stato il boom economico esca nelle sale La dolce vita che mette sotto processo non solo il momento storico che si stava vivendo e l'euforia conseguente, ma anche i valori su cui si fondava che influenzeranno, poi, tutti gli anni sessanta. Infine Fellini si differenzia dagli altri autori per la sua atipicità. Abbiamo già detto, infatti, del suo rapporto con la politica. Ma non è solo questo che lo caratterizza. Fellini non sposa mai completamente una posizione ideologica o filosofica. Lui utilizza tutto quello che è presente nella società e lo affastella nelle sue opere cinematografiche. Non si pone in posizione critica verso qualcosa o qualcuno; la macchina di presa si limita ad indugiare sugli uomini e sulle idee e lascia che essi evidenzino con il loro pratico operare pregi e difetti delle loro convinzioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi