Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'analisi fenomenologica della temporalità in Mrs. Dalloway di Virginia Woolf

In questa tesi il romanzo Mrs. Dalloway è esaminato sulla base dell’apparato concettuale della psichiatria fenomenologico-esistenziale. Tale corrente della psichiatria, nella considerazione oggi quasi del tutto accettata del continuum tra normalità e patologia psichica, incentra le sue analisi sulle nozioni di presenza e di temporalità, essere-nel-mondo del soggetto e molteplicità della dimensione temporale, per cui per l’individuo è fondamentale non la dimensione temporale oggettiva del tempo degli orologi , ma quella interiore del tempo vissuto che ne determina la presenza, cioè il modo di essere nel mondo e di relazionarsi con gli altri.
La tesi è suddivisa in due parti. La prima parte Presenza e temporalità nell’indirizzo fenomenologico-esistenziale in psichiatria analizza i presupposti filosofici della psichiatria fenomenologico-esistenziale e l’apparato concettuale di questa corrente psichiatrica. La seconda parte Presenza e temporalità in Mrs Dalloway di Virginia Woolf applica questa strumentazione concettuale della psichiatria fenomenologica al romanzo. L’introduzione della tesi rende conto in dettaglio del contenuto delle sue parti.
Voto di laurea : 110 e lode

Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Le persone “malate di mente”, allontanate dagli altri, stigmatizzate e rese escluse nelle istituzioni psichiatriche e nei pregiudizi sociali, hanno sempre suscitato in me una profonda pietà ma anche un certo interesse. Sono sempre stata convinta che ci fosse un senso nel loro comportamento e nelle loro frasi sconnesse. Durante i primi anni dei miei studi universitari, mi capitò, quasi per caso, di leggere l’opera dello psichiatra scozzese Ronald David Laing (1927-1989), L’io diviso. Si tratta di uno studio di psicologia e di psichiatria, in cui si tenta di comprendere, da un punto di vista fenomenologico-esistenziale, il disturbo psichico e i processi che ad esso conducono. Laing ha tentato di dimostrare, attraverso un resoconto delle esperienze vissute da alcuni individui, che i metodi della psichiatria clinica e della psicopatologia sono inadeguati a comprendere tali esperienze, e che il metodo fenomenologico-esistenziale si rende necessario per metterne in luce tutto il significato umano. Nonostante siano trascorsi da allora molti anni non si è mai spento il mio interesse per quell’approccio così innovativo della psicologia verso la comprensione dei “malati di mente”. La stesura della presente tesi mi ha dato l’opportunità di approfondire l’argomento e di comprendere cosa sia e

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Patrizia Bronzi Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9624 click dal 02/09/2005.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.