Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetti dell'attività motoria in acqua in soggetti in età evolutiva affetti da sindromi cromosomiche

L' " attività motoria adattata” è un’attività motoria pensata, stabilita e plasmata per il soggetto al quale si vuole far svolgere. Ha lo scopo di migliorare la qualità della vita portando il soggetto ad interagire al meglio con ciò che è, e con ciò che lo circonda. Per riuscire in quest’intento occorre innanzi tutto conoscere se stessi, il proprio corpo e le sensazioni che da esso stesso derivano, prenderne padronanza e gestirlo nelle varie situazioni di “esperienza vitale”.
Il principale mezzo per “sentire il corpo” è il movimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’ “attività motoria adattata” è un’attività motoria pensata, stabilita e plasmata per il soggetto al quale si vuole far svolgere. Ha lo scopo di migliorare la qualità della vita portando il soggetto ad interagire al meglio con ciò che è, e con ciò che lo circonda. Per riuscire in quest’intento occorre innanzi tutto conoscere se stessi, il proprio corpo e le sensazioni che da esso stesso derivano, prenderne padronanza e gestirlo nelle varie situazioni di “esperienza vitale”. Il principale mezzo per “sentire il corpo” è il movimento. Quest’ultimo nasce generalmente da una motivazione o da uno stimolo. Le sue caratteristiche fisiche come la forza, o le capacità coordinative che si manifestano alla sua attivazione, variano da persona a persona, ed è proprio per questo motivo che è fondamentale stabilire quali siano le potenzialità da sviluppare del soggetto con il quale s’intenderà lavorare. Chiunque può essere aiutato e trovare beneficio dall’attività motoria sia esso normodotato o diversamente abile. Riguardo quest’ultimo, sono svariati gli esempi di coloro che sono riusciti a migliorare il loro stato generale. Varie tipologie di handicap mentale, fisico o psicofisico più o meno gravi, sono già state trattate. In questa sede si è scelto di intervenire in un caso particolarmente complesso. Il soggetto, affetto da sindrome cromosomica 13q- non può essere classificato tra i diversamente abili più comuni. Il danno procurato da tale patologia, non solo non può essere in nessun modo riparato, ma ha comportato tutta una serie di disabilità che rendono oltremodo difficoltosa l’acquisizione della capacità di eseguire una qualsivoglia attività. Inoltre nel caso in cui ciò si è 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Gloria Micacchi Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7037 click dal 08/06/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.