Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Definizione e ruolo della phantasìa nelle opere psicologiche di Aristotele

la tesi è divisa in tre parti: nella prima confuto le principali interpretazioni francesi e angloamericane del concetto aristotelico di immaginazione; nella seconda tratteggio lo sfondo culturale da cui è nato il nostro concetto di immaginazione: le rappresentazioni di spiriti, sogni, fantasmi e allucinazioni nella letteratura greca (spec. tragedia ed erodoto); mostro poi come platone sia stato il primo a interpretare queste entità soprannaturali come rappresentazioni che avvengono nel teatro della nostra mente; nella terza esamino la critica di aristotele a platone, critica da cui nasce il nostro attuale concetto di immaginazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I PHANTASÌA: IL PUNTO SUL PROBLEMA 1. Obiettivi e articolazione dell’indagine 1.1. Scopo di questa ricerca è una ricostruzione del concetto aristotelico di fantasiva. È appena necessario ricordare quale importanza Aristotele ascrivesse alla fantasiva, nell’ambito delle sue teorie psicologiche: essa è da lui chiamata in causa non soltanto per spiegare i processi e le attività cognitive che – comuni a molte specie animali oltre all’uomo – amplificano le funzioni della facoltà sensitiva fino ai confini della sfera intellettiva, ma è anche reputata come un fattore indispensabile al movimento animale volontario e involontario, nonché a qualsiasi attività dell’intelletto umano. È immediatamente chiaro, quindi, che uno studio approfondito di questa nozione sarebbe di grande aiuto nella comprensione della più larga parte della psicologia di Aristotele 1 . Nelle pagine che seguiranno tenterò di 1 Si parla di “psicologia”, a proposito di Aristotele, per designare l’insieme di quegli studi che il filosofo condusse intorno alla natura dell’anima (yuchv), ove per “anima” si intenderà il principio vitale che distingue gli esseri “animati” (e[myuca: piante e animali, uomini inclusi) da quelli “inanimati” (a[yuca). L’anima è definita in An. B 1 come ei\do" swvmato" fusikou' dunavmei zwh;n e[conto" (412a20-21), ossia come “forma di un corpo naturale che ha vita in potenza” (“che ha vita in potenza” = “capace di vita”). L’indagine

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Feola Contatta »

Composta da 328 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2361 click dal 16/09/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.