Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Revisione del modello di simulazione del sistema idrico del fiume Turia (SPAGNA) e analisi economica per la determinazione del costo della risorsa idrica secondo la direttiva quadro 2000/60/CE

Nella seguente tesi sono trattati argomenti di Gestione della risorsa idrica, mediante un modello di simulazione utilizzato presso l'universidad Politecnica de Valencia chiamato Aquatool. Mediante l'utilizzo di tale sistema di supporto decisionale è stato possibile simulare tramite la componente SimWin l'utilizzo delle risorse idriche presenti nel bacino del fiume Turia (Spagna) e successivamente tramite l'utilizzo della componente Gestal è stato possibile ricavare il costo dell'acqua in funzione del volume presente all'interno degli invasi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE L’acqua, bene basico per la sua condizione di elemento imprescindibile per la vita e fattore indispensabile per lo sviluppo sociale, si considera da molti anni come un “bene sociale” in contrapposizione ad un bene puramente economico. L’aumento delle opere idrauliche che caratterizza lo sviluppo del XX secolo di quasi tutti i paesi europei ha avuto come obiettivo aumentare la disponibilità della risorsa a costi bassi e fomentare la competitività di certe attività economiche come l’agricoltura e la produzione energetica. I cambi avuti negli ultimi decenni, tanto per il forte aumento demografico insieme con il processo di urbanizzazione delle zone costiere, come l’espansione dei settori agricolo, turistico e ricreativo, hanno portato a situazioni ogni volta più frequenti di scarsezza della risorsa e peggioramento della sua qualità. La crescente affermazione della coscienza ambientale dei cittadini, i conflitti politici tra le amministrazioni e i fattori tecnici dovuti alla carenza di posti idonei per nuove infrastrutture danno enormi difficoltà nella realizzazione di nuove opere di regolazione e risaltano la necessità di un miglioramento nella gestione e pianificazione delle risorse idriche. D’altra parte l’inserirsi di nuove, più restrittive, politiche economiche da parte dei governi nazionali e degli organi finanziari europei impone sensibili restrizioni al tradizionale modello di finanziamento del dominio pubblico idraulico. La fase attuale, comune a molti paesi sviluppati, si denomina come “economia matura dell’acqua” e si caratterizza per: ƒ Costi crescenti per l’ottenimento di incrementi della offerta dell’acqua; ƒ Diretta e intensa competenza tra gli utenti; ƒ Interdipendenza tra gli usi; ƒ Limitata disponibilità delle risorse finanziarie pubbliche. I problemi che questa fase innesca, impongono nuove politiche di gestione che superano il metodo tradizionale orientato principalmente alla massimizzazione dell’offerta e comprendono aspetti fondamentali come la internazionalizzazione

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giuseppe Clemente Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 937 click dal 06/10/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.