Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dell'innovazione: aspetti economici, istituzionali e culturali dei processi innovativi

Lo studio di un fenomeno particolarmente complesso come l’innovazione, i cui effetti sono rinvenibili in molteplici contesti, ha richiesto l’integrazione di diversi livelli d’analisi e il dialogo fra discipline tradizionalmente distanti. L’impresa è l’attore fondamentale del cambiamento economico, ma l’innovazione, intervenendo nella sfera della tecnologia, costituisce una dimensione fondamentale del cambiamento sociale. Infatti, essa interagisce nell’ambito di una complessa matrice di fattori culturali, economici e istituzionali che è alla base dell’evoluzione e della trasformazione della società. Per questo motivo l’analisi dei modelli di innovazione tecnologica emergenti nell’attuale contesto socio-economico è stata condotta secondo una prospettiva storica. Seguendo un’impostazione che risente dell’approccio schumpeteriano allo studio dell’economia e della società, si è cercato di mettere a fuoco il fenomeno del cambiamento che plasma incessantemente le nostre strutture economiche e sociali.
L’argomentazione sviluppata nel corso del lavoro concernente i fattori principali che guidano la gestione dei processi innovativi ha indicato l’emergere di una nuova logica che sembra rispondere all’evoluzione delle strutture economiche e sociali odierne, caratterizzate dalla globalizzazione di mercati e sistemi produttivi. L’avvento delle tecnologie dell’informazione, infatti, fornisce la base materiale per la diffusione di nuove strutture di relazioni economiche, diverse forme organizzative e movimenti socio-culturali alternativi. La convergenza tra evoluzione sociale e tecnologie dell’informazione ha messo in evidenza come la capacità dell’impresa di collegarsi a reti globali di conoscenza rappresenti la principale fonte di competitività e innovatività. La capacità di crescita economica di industrie e paesi dipende pertanto dal grado di apertura e connessione di imprese e attori istituzionali nei confronti dei moderni network imprenditoriali, di strutture di ricerca pubbliche e private, nonché di intermediari finanziari specializzati nel sostenere nuovi progetti di innovazione tecnologica (venture capitalist).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il tema dell’innovazione tecnologica ha assunto un ruolo di primaria importanza nel dibattito economico contemporaneo ed è attualmente oggetto di un diffuso interesse pubblico. Le ragioni di questo vasto interesse sono riconducibili al ruolo di cruciale importanza che l’innovazione ha assunto nella nostra vita quotidiana, nello sviluppo dei sistemi economici, nella performance delle imprese e nella competitività internazionale di industrie e paesi. La crisi economica internazionale degli anni Settanta, ponendo fine alla precedente fase di sviluppo, ha costretto le imprese a dotarsi di sistemi di produzione più efficienti, e quindi più innovativi, capaci di adattarsi all’instabilità della domanda e di ridurre i rischi di sotto- utilizzazione degli impianti. Si può così comprendere la crescente intensità con cui si è insistito sull’importanza e sulla necessità dell’innovazione da parte delle imprese per affrontare un ambiente turbolento, caratterizzato da elevata dinamicità e imprevedibilità. L’impresa è l’attore fondamentale del cambiamento economico, poiché investe risorse in attività innovative, apprende e accumula nuove conoscenze, introduce nei propri processi produttivi le tecnologie più avanzate sviluppate nei programmi interni di ricerca o acquisite all’esterno mediante accordi e relazioni di varia natura. L’analisi di un fenomeno particolarmente complesso come l’innovazione, i cui effetti sono rinvenibili in molteplici contesti, richiede tuttavia un’espansione dell’orizzonte di riferimento oltre i confini dell’economia d’impresa, l’integrazione di diversi livelli d’analisi e il dialogo fra discipline tradizionalmente distanti. In questa prospettiva, una premessa fondamentale del lavoro consiste nel considerare la tecnologia una dimensione fondamentale del cambiamento sociale. Attraverso dinamiche proprie, la tecnologia interagisce nell’ambito di una complessa matrice di fattori culturali, economici e istituzionali che è alla base dell’evoluzione e della trasformazione della società. Benché non s’intenda ascrivere alcuna relazione deterministica

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Raffaello Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11242 click dal 12/10/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.