Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodi innovativi di pianificazione delle imprese elettriche

Considerazioni sull'evoluzione delle aziende elettriche dei paesi Europei e del Nord America, ove i dati storici evidenziano un costante impegno nella ricerca dell'efficienza, sotto il duplice aspetto:

- della produzione di energia a costi convenienti
- del miglior soddisfacimento della domanda di energia ad una qualità elevata

Evidenziando la caratteristica comune della Unione Europea all'integrazione delle attività delle aziende elettriche e delle Politiche Energetiche Nazionali.

Si analizzano gli aspetti:

- tecnici
- commerciali
- di mercato
- ambientali

volti alla minimizzazione dei costi di produzione attraverso la pianificazione della produzione e il controllo della domanda.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE : Pianificazione con la Minimizzazione dei Costi nelle Aziende Fornitrici di Servizi Elettrici i) OBBIETTIVI DELLA TESI Nelle pagine che seguono si cercherà di evidenziare, negli aspetti essenziali, le linee guida che sono alla base di un ripensamento delle teorie di pianificazione riguardanti le aziende fornitrici di servizi elettrici. In Italia la nascita delle prime aziende elettriche (EDISON, SIP, SADE, SME), risale agli anni '90 del secolo scorso; queste società erano attive in ambito regionale, ma scarsamente propense a collaborare e a integrarsi a livello nazionale, anzi in più occasioni sono state in conflitto fra loro1. Solo dopo alterne vicende, fra cui due guerre mondiali, si è arrivati alla loro fusione e alla costituzione dell'ENEL (nel 1962), come Ente Pubblico Economico, (divenuto S.p.A. nell'Agosto 1992). Va inoltre rilevato che in pratica fino al temine della seconda guerra mondiale, la maggior parte dell'energia elettrica prodotta era di origine idraulica, sia per motivi storici che per la difficoltà di accedere ai mercati dei combustibili fossili, ma questa scelta, peraltro abbastanza forzata, ha posto delle limitazioni e dei vincoli allo sviluppo del mercato dell'energia elettrica. Solo successivamente con la fase di ricostruzione (e con gli aiuti americani, predisposti del piano Marshall), con l'accesso ai mercati dei combustibili, si è iniziato a introdurre in modo consistente gli impianti termoelettrici alimentati a olio combustibile e carbone. Oltre all'ENEL (che produce circa l'81,2% dell'energia elettrica, secondo le rilevazioni del 1992), sono oggi attive nelle principali città le Azienda Elettriche Municipali, dotate spesso di propri impianti di generazione (con una quota di 1 Confrontare : Giorgio Mori (a cura di), Storia dell'industria elettrica in Italia - Editore : Laterza 1992. Vera Zamagni , Dalla periferia al centro, la seconda rinascita economica dell'Italia 1961-1981 - Editore : Il Mulino 1990.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giorgio Vani Contatta »

Composta da 477 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4822 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.