Skip to content

Splatter: sistema e forme di un genere nella storia della cinematografia italiana

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Panicali
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Francesco Linguiti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

Lo Splatter è un genere diffuso e trattato in tutto il mondo, ma è proprio nel nostro paese che si trovano gli esempi migliori di questo tipo di cinematografia, nonché gli esponenti più brillanti tra i registi che ad essa si sono dedicati. L’Italia è stata da sempre patria di grandi registi (quelli storicizzati ed osannati dalla critica) ma anche madre di un certo tipo di cinema (definito “di genere”) che spopolò tra gli anni ’60 ed ’80 in tutto il mondo, e la cui origine va forse cercata proprio nell’esigenza di confezionare un tipo di cinema che superasse quello ormai istituzionalizzato del neorealismo e dei grandi autori canonizzati, per confezionare opere che si rivolgessero, sempre più visceralmente, allo spettatore, solleticandone la brama di emozioni. La non originalità dei soggetti, per lo più imitati da quelli americani, su cui poi venivano imbastiti interi filoni, e la scarsità di mezzi, non sono che alcune delle caratteristiche che accomunano le pellicole di genere. Pecche, se vogliamo, di un cinema che adesso non c’è più e che comunque meriterebbe di essere rivalutato. Una rivalutazione che dovrebbe partire proprio dall’analisi di questi problemi strutturali e dal fatto che spesso, in queste condizioni, era proprio l’originalità nell’uso della macchina da presa, per assurdo, a rendere questi prodotti validi anche all’estero, se non addirittura superiori ai capostipiti d’oltreoceano che il più delle volte li avevano generati. Si tratta di un tipo di cinema in cui emergono in maniera netta le tradizioni e la cultura di un popolo fortemente caratterizzate dal senso del peccato (dovuto ad un altrettanto forte senso della religione), in cui spesso il sacro si mischia al profano, per dar vita ad una cinematografia morbosa e feroce, senza precedenti nella storia del cinema. E cosa c’è di più estremo e blasfemo della rappresentazione della morte in ogni suo più intimo particolare? Si inizierà dunque, nel primo capitolo, col tratteggiare una breve, ma si spera esaustiva, storia mondiale del cinema splatter, per evidenziarne le principali tendenze e cercare di delinearne i futuri sviluppi. Si continuerà poi, nel secondo capitolo, con un approfondimento sulla storia dello Splatter in Italia, parlando di tre registi che meglio di chiunque altro hanno saputo distinguersi nella realizzazione di pellicole del genere. Si dedicherà, inoltre, un breve approfondimento su uno dei sotto-filoni del genere meglio sfruttati: quello dei film sui cannibali. Nel terzo capitolo si cercherà di pervenire ad una definizione soddisfacente di pellicola splatter; per poi concludere, nel corso del quarto e del quinto capitolo, con l’analisi dello strettissimo legame che intercorre tra pellicole splatter ed effetti speciali, nonchè tra pellicole splatter e pubblico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Quando, circa due anni fa, mi venne l’idea di realizzare una tesi sul cinema splatter, non mi sarei mai immaginato di dover affrontare un compito così arduo. Di pellicole appartenenti al genere ne possedevo già tante, e parecchie altre si sono aggiunte nel corso del tempo. Ma il problema fondamentale cui andavo incontro è che scrivere sul cinema splatter equivale a scrivere di un genere quanto mai sfuggente. Il fatto che l’immagine gore abbia finito col contaminare centinaia di pellicole apparentemente appartenenti a filoni diversi, mi poneva dinanzi ad una scelta da compiere: dover trattare solo di quei film che sono dichiaratamente splatter o trattare di tutti i film che hanno nel copioso utilizzo dell’effettaccio gore un fattore di comunanza? Se avessi percorso la prima strada mi sarei ritrovato, lo ammetto subito, ad esaminare una manciata di pellicole, vista la rarità dei film puri del genere. La seconda strada si è presentata da subito la più percorribile, anche se a questo punto mi si poneva un ulteriore interrogativo all’apparenza insolubile: lo splatter è un genere vero e proprio o come affermano molti è semplicemente un elemento comune a più film?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cannibal holocaust
d'amato
deodato
fulci
horror
lenzi
massaccesi
porno
sesso
splatter

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi