Skip to content

"Oyeme con los ojos". La diatriba di Suor Juana Inés de la Cruz con il clero della Nuova Spagna

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Bosio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Fabio Rodrìguez Amaya
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

La società della Nuova Spagna della metà del secolo XVII si presenta come un esempio di mondo chiuso in se stesso, fortemente conservatore di un ordine precario, tanto faticosamente acquisito ed imposto in un breve tempo. Poco più di cento anni prima infatti, i conquistadores sterminarono gran parte delle popolazioni autoctone e cercarono di estirpare ogni credo e rito pagano esistente. Solamente in alcuni sporadici casi, i primi missionari cercarono di attuare una conversione pacifica così da capire e testimoniare al mondo i culti dei nativi astenendosi da un disprezzo gratuito. Successivamente la Chiesa, parte essenziale dell’organizzazione della società della Nuova Spagna, non tanto interessata alle anime delle popolazioni autoctone, quanto al proprio potere ed accecata dalla volontà d’imporre il proprio credo, contribuirà alla formazione di quella che sarà una vera e propria società basata su termini completamente opposti fra loro. Città del Messico, così come tutto il vicereame della Nuova Spagna, fu infatti caratterizzata da un estremo perseguimento dell’ortodossia ma allo stesso tempo era una società improntata ad una fortissima sensualità e passionalità. La tanto propugnata moralità della società novoispanica, era infatti mera apparenza: una maschera che la gente utilizzò per ripararsi dagli attacchi delle autorità religiose. Questo camuffamento sarà adottato, come si avrà modo di capire, dallo stesso clero, cercando di reprimere le passioni e i desideri ‘terreni’ dei suoi ranghi, con astinenza forzata, clausura e disprezzo per le passioni umane. Questa ripulsa estrema per la natura stessa dell’essere umano, porterà alla formazione di personalità ‘malate’, accecate dal desiderio di far condividere la loro strada a più persone possibili, soprattutto donne, sottraendole alla ‘corrotta’ vita mondana ed assicurandole a Dio. Compito che bisognerebbe considerare lodevole se le anime da salvare fossero state consenzienti o comunque che, trovandosi nel dubbio su quale strada perseguire, fossero state bisognose di un aiuto spirituale che le guidasse ad una scelta consapevole. I Fatti però si discosteranno radicalmente dalle intenzioni. Questi ‘salvatori di anime’, decisero anche per loro, crearono delle vere e proprie carceri in cui raccogliere il maggior numero possibile di donne sole e la loro frenesia nel ricercare giovani da rinchiudere in conventi di clausura, fu senza pari. Lo scopo del presente lavoro, vuol innanzitutto essere quello di presentare la figura di Suor Juana Inés della Cruz, bistrattata per secoli e di dimostrare come una personalità del suo calibro, conscia e fiera delle proprie qualità intellettive, potesse scatenare nel Messico barocco, una tale invidia e inimicizia da parte del clero, da renderle la vita pressoché impossibile. Anche la giovane Juana Inés, infatti, sola alla corte vicereale, non passò inosservata e non riuscì a sottrarsi all’abilità persuasiva di questi chierici che la spinsero verso la strada della clausura. Nonostante ciò, perseguì per tutta la sua esistenza il vero scopo della sua vita, studiare e comporre versi, contravvenendo così alle regole che la morale della Chiesa le imponeva. La sua produzione letteraria risultò essere uno dei lavori più riusciti dell’epoca barocca dell’intero mondo ispanico. Il suo ardire nel ribellarsi alle regole imposte dalla Chiesa e la notorietà che ne conseguì, la fece incorrere però nell’ira di chi aveva cercato di rinchiuderla in un convento per assicurarla a Dio, scatenando un vero e proprio scontro per stabilire chi dovesse primeggiare; ma la Chiesa non poteva perdere contro una semplice donna, ciò avrebbe screditato la sua autorità agli occhi di tutti: era necessario rimettere ordine e zittirla. La sua punizione sarebbe stata esemplare e lei sarebbe dovuta tornare sui propri passi ad ogni costo. Si vuol dimostrare come i divieti a lei imposti dalle autorità ecclesiastiche, che si adoperarono strenuamente per impedirle di scrivere e di ottenere notorietà nel mondo, sortirono l’effetto contrario: la monaca difendendosi, produsse i due testi presi in esame (Carta Atenagórica e Respuesta a Sor Filotea de la Cruz) che analizzati in profondità, dimostrano un’abilità retorica e una pluralità di livelli di lettura e di significati che li designano come capolavori della letteratura barocca mondiale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La società della Nuova Spagna della metà del secolo XVII si presenta come un esempio di mondo chiuso in se stesso, fortemente conservatore di un ordine precario, tanto faticosamente acquisito ed imposto in un breve tempo. Poco più di cento anni prima infatti, i conquistadores sterminarono gran parte delle popolazioni autoctone e cercarono di estirpare ogni credo e rito pagano esistente. Solamente in alcuni sporadici casi, i primi missionari cercarono di attuare una conversione pacifica così da capire e testimoniare al mondo i culti dei nativi astenendosi da un disprezzo gratuito. Successivamente la Chiesa, parte essenziale dell’organizzazione della società della Nuova Spagna, non tanto interessata alle anime delle popolazioni autoctone, quanto al proprio potere ed accecata dalla volontà d’imporre il proprio credo, contribuirà alla formazione di quella che sarà una vera e propria società basata su termini completamente opposti fra loro. Città del Messico, così come tutto il vicereame della Nuova Spagna, fu infatti caratterizzata da un estremo perseguimento dell’ortodossia ma allo stesso tempo era una società improntata ad una fortissima sensualità e passionalità. La tanto propugnata moralità della società novoispanica, era infatti mera apparenza: una maschera che la gente utilizzò per ripararsi dagli attacchi delle autorità religiose. Questo camuffamento sarà adottato, come si avrà modo di capire, dallo stesso clero, cercando di reprimere le passioni e i desideri ‘terreni’ dei suoi ranghi, con astinenza forzata,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura barocca messicana
messico inquisizione
suor juana ines de la cruz

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi