Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analysis of beauty

Per Hogarth poi, non si tratterà più, quindi, di copiare e imitare gli antichi maestri (se non nella misura in cui sono stati fedeli alla natura), bensì si tratterà di copiare e imitare direttamente la natura. Per copiarla e imitarla, però, bisogna innanzitutto “imparare a vederla. Formalmente la distinzione tra bello e sublime viene esplicitata da Burke che verrà poi ripresa da Kant diventando classica: il bello è legato intanto al piacere, poi al sesso femminile, poi al sesso in generale, al piacere sessuale e poi alla socialità. In epoca moderna, specie in questi ultimi venti anni, il sublime ha goduto di una grande popolarità, nel senso che il sublime non è altro che il simbolo di tutti i nostri conflitti che non riusciamo a mediare e che quindi rappresentano questa nostra tendenza a cercare di uscire da determinati limiti senza riuscirci.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 I. - Il Settecento: nascita dell’Estetica La prima osservazione generale riguarda il problema classico della genesi e dell’evoluzione nel tempo della concezione estetica. Qui emergono due punti di vista distinti e diffusi. Secondo il primo, l’estetica è una scienza moderna nata intorno al XVII-XVIII secolo, mentre il secondo considera l’estetica come scienza antica. “ Si ha a che fare, in breve, con due luoghi comuni, non con delle prospettive erronee e del tutto prive di alcuni buoni diritti, ma con delle interpretazioni parziali che hanno ragione e torto insieme, vere e false a un tempo”. 2 Il Settecento viene da più parti indicato il secolo dell’estetica in quanto scienza moderna. In questo periodo, la riflessione sul bello e sulle arti si appropria di tutta una serie di strumenti, concetti e metodi elaborati in modo sparso e frammentario dalla critica artistica e letteraria precedente, per organizzarli in modo unitario e sistematico. A questo riguardo si fa notare come lo stesso termine estetica, nell’accezione oggi consueta, viene usato per la prima volta proprio intorno al Settecento. Ciò che risulta significativo è soprattutto il fatto che si comincia a parlare di “ belle arti” e della loro sistemazione che le distingue dalle scienze, dalle professioni e dai mestieri. Sotto questi riguardi nasce l’estetica come disciplina autonoma avente come oggetto una entità per sé stante chiamata arte o bellezza. 2 M. MODICA, Che cos’è l’estetica, Roma, Editori Riuniti, 2002, p. 18

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Barbara Marà Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2811 click dal 05/10/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.