Skip to content

La giurisprudenza della Corte Costituzionale sul pricipio del giudice naturale

Informazioni tesi

  Autore: Michele Dal Zin
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Lorenza Carlassare
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

Nel 1848 Carlo Alberto di Savoia Re di Sardegna concesse lo Statuto Albertino, Carta Costituzionale in cui l'influenza delle esperienze costituzionale francesi è evidente, infatti, numerosi articoli sono la mera traduzione di quelli d'oltralpe. Interessante è poi far notare come in realtà lo Statuto Albertino fosse stato prima scritto in francese e successivamente tradotto in italiano. In questa Carta Costituzionale, che sarà la prima dell'Italia unita, il principio del giudice naturale è contenuto nell'articolo 71 il cui testo è il seguente: "Niuno può essere distolto dai suoi giudici naturali. Non potranno perciò essere creati tribunali o commissioni straordinarie".
Dalla lettura dell'articolo si ricava come la distrazione del cittadino dal suo giudice naturale corrisponda solo alla creazione di giudici straordinari.
Un problema che invece porta a diverse opinioni a riguardo è quello della qualificazione di questo come diritto soggettivo del cittadino o come altra posizione giuridica soggettiva.
Chi considera che l'articolo nel suo complesso non si riferisca ad altro che ad una questione di mera organizzazione giudiziaria e quindi non riconosce ad esso la rilevanza di diritto, lo ricava sia dalla flessibilità delle norme contenute nello Statuto che potevano essere derogate con semplice legge ordinaria sia dalla collocazione topografica dell'articolo in esame nel capo riguardante l'ordinamento giudiziario. Mentre nelle precedenti Costituzioni Francesi questo principio era sempre inserito nei titoli delle Carte che trattavano i "diritti politici dei cittadini" o i "diritti di libertà" .
A questa interpretazione riduttiva si oppone quella che non considera sufficiente la collocazione topografica della norma nella Carta Costituzionale per attribuire ad essa la qualifica di interesse legittimo ma anzi facendo una ricostruzione sistematica delle disposizioni e dei metodi interpretativi del diritto costituzionale giunge a dimostrare, anche attraverso l'esame della giurisprudenza dell'epoca, che in realtà era considerato come fondamentale diritto del cittadino oltre che fondamento per l'organizzazione giudiziaria; a riprova ulteriore di ciò si giunse a sostenere che l'articolo 71 avesse addirittura un carattere rigido rispetto a quello flessibile dell'intero Statuto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I L'ARTICOLO 25, 1° COMMA, DELLA COSTITUZIONE NEI LAVORI DELL'ASSEMBLEA COSTITUENTE 1.I. Il principio del giudice naturale nello Statuto Al- bertino. Nel 1848 Carlo Alberto di Savoia Re di Sardegna concesse lo Statuto Albertino, Carta Costituzionale in cui l'influenza delle e- sperienze costituzionale francesi 1 è evidente, infatti, numerosi ar- ticoli sono la mera traduzione di quelli d'oltralpe. Interessante è poi far notare come in realtà lo Statuto Albertino fosse stato pri- ma scritto in francese e successivamente tradotto in italiano 2 . 1 La prima menzione del termine giudice naturale si trova nell'articolo 17 del titolo secondo della legge 16-24 agosto 1790 votata dall'assemblea costi- tuente francese per riorganizzare l'amministrazione della giustizia in rispon- denza alle sollecitazioni politiche della rivoluzione. Si veda per una analisi storica il par. 1 del Capitolo V. 2 ROMBOLI, Il Giudice naturale, Milano, 1981, pag. 18, fa notare inoltre come le classi colte piemontesi parlassero la lingua francese e che le stesse discussioni si sono svolte in quella lingua.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

commissione forti
corte costituzionale
diritto costituzionale
giudice naturale
principio del giudice naturale
statuto albertino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi