Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La formazione e il terzo settore: problematiche e prospettive

Come poter trarre, da questa società globale, dei lati positivi a livello umano e sociale, non soltanto economico e politico, in modo che non vengano soppiantati valori importanti quali la responsabilità sociale, la civiltà, la solidarietà, la cooperazione?
Le sfide economiche del mercato globale hanno dissolto i legami e il senso di appartenenza ad una comunità, per cui le iniziative, sempre più numerose, di associazionismo e cooperazione istituzionalizzate ritengo siano la strategia su cui bisogna puntare per favorire programmi di reintegrazione, puntando su principi di appartenenza e sussidiarietà, che vengono riconosciuti non solo come valori ideali, ma come valori economici, istituzionali e politici, capaci di compensare gli effettideleteri della globalizzazione.
Il Icap.trattal'evolversi della società, partendo dalla Terza Rivoluzione Industriale ad oggi.
Il IIcap., partendo da una analisi della crisi di Welfare State e di mercato, pone l'accento sull'emergere dei nuovi bisogni sociali e delle nuove richieste che l'ambiente pone. nasce così l'esigenza d'organizzazioni di Terzo Settore.
Nel IIIcap., dopo aver analizzato processi e variabili che caratterizzano tutti i tipi di organizzazioni, mi sono soffermata su ciò che distingue il settore no-profit dal profit, con un approfondimento d'approccio psicologico sulle motivazioni che possono spingere a cooperare.
Nel IVcap., infine, sostengo l'importanza di un educare e formare le persone allo sviluppo di comportamenti solidali e cooperativi, in modo da fondare una responsabilità collettiva e una cittadinanza attiva e partecipata. Rivolgo, dunque, la mia proposta formativa alle scuole secondarie, affinchè possano assumere come metodo d'insegnamento complementare, il cooperative learning.
"L'economia senza memoria non porta allo sviluppo; è impossibile dissociare la pratica economica dalla praticasociale globale". (H. Bartoli)

Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL’EDUCAZIONE TESI DI LAUREA IN: SOCIOLOGIA DELL’EDUCAZIONE LA FORMAZIONE E IL TERZO SETTORE: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE. Relatrice: Chiar.ma Prof. ANGELA MONGELLI Laureanda MARIA E. SBIROLI ANNO ACCADEMICO 2003-2004

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Erminia Sbiroli Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5548 click dal 07/10/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.