Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno etnico in Spagna

Analisi delle principali minoranze etnico-linguistiche (Baschi, Catalani e Galiziani) della Spagna contemporanea e delle loro rivendicazioni politiche, economiche e culturali.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo Primo Inquadramento storico e geografico Dopo quasi quaranta anni di dittatura nel 1978 la Spagna si è data una Costituzione democratica che, tra le altre cose, poneva fine al tenace centralismo del periodo franchista permettendo la creazione di 17 Comunità autonome, i cui confini ricalcano i limiti, geografici e culturali, di stati esistenti in passato; in alcune regioni però, militanti nazionalisti continuano a portare avanti una battaglia per l’autonomia locale che si trascina da secoli e che talvolta, soprattutto nelle province basche, esplode nella violenza. Non è facile individuare i motivi per i quali la Spagna rimanga un paese culturalmente disomogeneo; forse la geografia non ha favorito l’unità ma, probabilmente, ciò che maggiormente ha contribuito a tale frazionamento è stato il corso della sua storia. Questa considerazione induce ad attribuire alle vicende storiche un ruolo rilevante nello svolgimento della presente analisi sulle minoranze etnico-linguistiche della Spagna. 1.1 Lineamenti geografici della Spagna Per posizione e caratteri climatici la penisola iberica è la più meridionale delle tre grandi penisole mediterranee (a ridosso dell’Africa ha avuto gran parte delle sue storie legate al continente nero), ma è anche la più occidentale (avvantaggiata al momento delle grandi scoperte geografiche, ha però pagato la marginalità negli anni dello sviluppo industriale dei paesi aderenti alla CEE), la più tozza (con profilo costiero poco articolato), la più peninsulare (con un istmo di soli 435 km delimitato da una catena montuosa che la definisce come regione naturale oltre che geografica) e nello stesso tempo punto d’incontro di molteplici influenze, fisiche ed umane, europee ed africane.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Pier Luigi Binni Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3790 click dal 11/10/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.