Skip to content

Le lucerne di Torre Bigini nel quadro della Sicilia Tardoantica

Informazioni tesi

  Autore: Jean Pierre Civiletti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Sienze Archeologiche - Archeologia Navale
  Relatore: Ferdinando Maurici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

Nel Giugno del 1882, per il suo riutilizzo secoli dopo la sua costruzione, durante i lavori di pulitura della cisterna dell’acquedotto selinuntino, presente nel sito di Torre Bigini, venivano trovate una serie di lucerne di diversa cronologia assieme a monete anch’esse di deverso periodo .
Di queste lucerne rimanevano solo pochi disegni di alcune, e sommarie indicazioni sulle dimensioni e decorazioni per le altre , nel resoconto di A. Salinas , per cui scopo principale è stato quello di cercare di produrre una più completa documentazione in proposito.La cisterna ( La struttura muraria della cisterna consta di due fasi: la fase più antica, in parte scavata nella roccia, è in opus incertum la quale presenta delle zone ascrivibili a delle possibili fasi intermedie, identificabili come rifacimento di parti crollate, evidenziate dalla grossolana ed imprecisa edificazione su una muratura regolare costruita in blocchi di calcarenite di dimensioni medie tagliati in modo impreciso; la fase più recente...) ha restituito vari oggetti i quali purtroppo andarono perlopiù dispersi, passando per varie mani come attesta il Salinas che ne riconosceva alcuni esemplari conservati presso il sacerdote Ingoglia e presso il fratello di questo, mentre altri reperti furono acquisiti dal museo di Castelvetrano, senza contare quanti oggetti possono essere stati trafugati nel corso dei lavori di pulitura della detta cisterna.[...]Per quanto riguarda il complesso dei reperti ceramici ritrovati e a noi noti, si tratta, come appena accennato, di lucerne di diversa tipologia e di diverso periodo storico.
La lucerna più antica ritrovata durante i lavori di pulitura della cisterna eseguiti nel 1882 risale al 50/75 a.C., sul fondo di questa compare incisa la firma CIVNDRAC e la decorazione sul disco raffigura una schiava che regge un anfora. Si tratta di una tipologia di lucerne appartenenti alla Forma Atlante[...]Un’altra forma ceramica che risulta pressoché contemporanea, riscontrata nel nostro sito, è quella delle lucerne cristiane che, come le definisce la Joly, sono meglio identificabili come lucerne siciliane o Provoost 10B.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I LA SICILIA TRA IV E VII SECOLO: ECONOMIA E DISRTIBUZIONE DELLE LUCERNE 1. La Sicilia tra la fine del IV e il VII secolo: economia ed evidenza ceramica Nunc congiungere agellis Siciliam volo, ut cum Africam libuerit ire, per meas fines navigem (Petronio, Satyricon :48); così recita Petronio nel Satyricon nell’enumerazione delle tenute in possesso di Trimalchione, rendendo quindi l’idea della presenza di possedimenti, tenute o ville, adiacenti al mare, ma cosa più importante è la visione della Sicilia della prima età imperiale agli occhi di grandi latifondisti, che ci aiuta a comprendere quale fosse la situazione commerciale. Dunque la Sicilia è vista come importante snodo, caratteristica connaturata alla posizione geografica, tra le regioni dell’Italia centro-meridionale e la provincia d’Africa (CRACCO RUGGINI 1982-1983: 477-478). In tal senso è importante la rivalutazione economica dell’isola - che nei secoli immediatamente precedenti era passata in secondo piano e che addirittura tra II e III secolo d.C. aveva vissuto un evidente declino, specialmente nelle aree agricole dell’interno, ad esclusione dei siti portuali che mantenevano la loro vitalità poiché collocati lungo le rotte verso Roma - nel momento in cui dal 332 d.C. l’importantissimo territorio agrario della provincia d’Egitto veniva deputato all’annona costantinopolitana . Africa, Sicilia e Sardegna, grandi produttrici di derrate alimentari, acquistarono un rinnovato interesse. Successivamente, con la dominazione vandala dell’Africa settentrionale, che durò dal 429 al 534 d.C., alla Sicilia toccò ancor più il compito annonario; ciò dovette far crescere l’interesse degli speculatori e dei latifondisti verso l’isola. Durante tale rivalutazione sorsero per la prima volta sui latifondi sontuose dimore residenziali, localizzate perlopiù nel settore orientale dell’isola, come le ville di Piazza Armerina, Eloro e Patti, che attestano l’interesse 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ancient lamps from sicily
aqueducts and water supply in ancient sicily
archeologia cristiana in sicilia
les lampes à récipient allongé
lucerne <<siciliane>>
lucerne antiche e tardoantiche
roman lampes de sicilie
sicilia archeologia
sicilian's lamps
torre bigini biggini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi