Skip to content

L'analisi frattale nella tecnica farmaceutica

Informazioni tesi

  Autore: Paola Peres
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Farmacia
  Relatore: Tommasina Coviello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

Il concetto di “frattale” (dal latino fractus) è stato introdotto per la prima volta dal matematico Benoit Mandelbrot per far fronte all’esigenza di descrivere fenomeni complessi spesso riscontrabili in natura. Un oggetto frattale si caratterizza per la sua particolare forma geometrica, frazionaria ed irregolare, che riflette le sue proprietà fondamentali: l’autosomiglianza e lo space-filling. L’analisi frattale ha recentemente trovato applicazione nelle discipline più disparate, tra cui il campo farmaceutico, dove studi sperimentali e strumenti innovativi hanno operato traendo notevoli vantaggi dal confronto tra i sistemi farmaceutici e gli affascinanti insiemi frattali. Per intuire la grande innovazione che l’analisi frattale può apportare è necessario comprendere questa “terza forma della materia” e le sue dimensioni caratteristiche: non più quelle della geometria euclidea, bensì le dimensioni frattali lineari, superficiali e reattive, quantità tipicamente frazionarie. Per quantificare tali parametri ed analizzare la morfologia di una superficie ci si serve di tecniche alternative tra loro, caratterizzate tutte da vantaggi e svantaggi, quali: l’analisi S.E.M. al microscopio elettronico a scansione, l’adsorbimento dell’azoto che permette di analizzare l’intero campione, l’A.F.M. che impiegando la microscopia di forza atomica raggiunge una risoluzione nanomolecolare, il picnometro a mercurio con cui si determina il diametro dei pori e la loro area. Nei primi tre studi è stata sottolineata l’importanza che assume la scelta di una determinata tecnica di preparazione sulla morfologia tipica dei granuli ottenuti, nonché sulle loro conseguenti proprietà reologiche. Nella seconda parte si sottolinea come la morfologia stessa sia in grado di influire anche su processi quali assorbimento, catalisi, diffusione e dissoluzione. Quest’ultima reazione in particolare, poiché determina la biodisponibilità delle forme farmaceutiche, viene trattata nel resto degli esperimenti riportati, grazie alla definizione del parametro relativo alla dimensione frattale reattiva, DR, e al suo confronto con DS, pertinente la superficie. Lo studio del processo di dissoluzione è, quindi, applicato a casi diversi: particelle di cloruro di sodio rilasciate da una compressa di polimero insolubile; sali dell’acido ursodesossicolico preparati impiegando basi diverse, inorganiche ed organiche; granuli di piroxicam derivati da due diverse tecniche di granulazione ad umido, ad acqua e al vapore, caratterizzati da una velocità di dissoluzione diversa; granuli di piroxicam granulati ad acqua e al vapore, impiegando eccipienti diversi; l’incrementata solubilità dell’indometacina nell’eccipiente idrofilo β-ciclodestrina attraverso l’utilizzo degli ultrasoni; l’aumento nella dissoluzione di particelle di diclofenac derivate da polveri ottenute col congelamento spray, impiegando un eccipiente idrofilo (Gelucire 50/13) e gli ultrasuoni. Dallo studio dei fenomeni alla base della reazione di dissoluzione è possibile trarre uno strumento di certa utilità per la progettazione di forme di dosaggio più idonee al raggiungimento di un grado di rilascio controllato.
Si ritiene che la tecnologia farmaceutica, la biofarmaceutica e la farmacocinetica siano le aree più promettenti in cui l’analisi frattale possa apportare, in futuro, ulteriori, preziosi e nuovi sviluppi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La teoria della complessità, diffusasi recentemente, ha introdotto, in ambito scientifico, notevoli innovazioni fra le quali l’analisi frattale. Tale innovazione, poiché abbraccia gran parte della realtà che ci circonda, ha rapidamente trovato consensi ed applicazioni in molti settori della scienza (1). L’analisi frattale, partendo da un nuovo modo di vedere le cose, ha permesso da una parte di affrontare, con una nuova visuale, diversi vecchi problemi, a volte risolvendoli, e dall’altra di far venire a galla, per la prima volta, nuove problematiche. Scienziati e ricercatori di ogni campo, infatti, hanno adattato lo studio del caos e della complessità alla loro materia, traendone vantaggi innovativi. I matematici, ad esempio, lo applicano all’analisi delle equazioni differenziali non lineari, gli astronomi alla meccanica celeste, i chimici alle reazioni unimolecolari, i biologi a modelli di dinamica di popolazione, i fisici alla teoria delle particelle elementari, gli ingegneri alla turbolenza o alle vibrazioni e così anche economisti, medici e neurologi (1). Le certezze conquistate dalla tradizione scientifica restano comunque valide per i sistemi lineari e per alcuni rari sistemi non lineari (2a) anche se, rispetto al passato, i nuovi obiettivi da raggiungere hanno assunto nuove connotazioni. A tale riguardo qualcuno ha parlato addirittura di “rivoluzione” confermando, del resto, ciò che è spesso avvenuto nel passato e cioè che, il progresso è stato quasi sempre preceduto da una rivoluzione che poneva in discussione alcuni dei principi basilari, fino a quel momento indiscutibili. Così facendo si è giunti alla scienza odierna, 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

benoit mandelbrot
caos
contorni
farmaceutica
frattale
granuli
particelle
polveri
reologia
tecnica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi