Skip to content

Nuove droghe e prevenzione inter-istituzionale

Informazioni tesi

  Autore: Michela Figuccio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marie Di Dlasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

Negli ultimi anni il consumo di sostanze stupefacenti si è diffuso in maniera crescente tra la popolazione giovanile, soprattutto da quando si è verificato un cambiamento sia del tipo di sostanze utilizzate che delle modalità di consumo.
A partire dagli anni 90, infatti, hanno trovato ampia diffusione le droghe di sintesi denominate anche "nuove droghe" il cui uso è compatibile con uno stile di vita normale, associandosi spesso alle attività del tempo libero, ed è finalizzato al divertimento e allo star bene.
Per contrastare efficacemente la diffusione delle droghe un ruolo fondamentale deve essere affidato alla prevenzione, con lo scopo di tentare di modificare lo stile di vita degli adolescenti, attraverso interventi informativi ed educativi, e di rafforzare le loro risorse e le capacità di far fronte alle difficoltà e ai cambiamenti che si verificano durante l'adolescenza.
Nella tesi viene approfondito un modello di prevenzione, il MODELLO INTER-ISTITUZIONALE, che è stato il modello di lavoro utilizzato nei progetti DAND e LAPO entrambi realizzati nel territorio della provincia di Trapani, dalla Prefettura di Trapani in collaborazione con la coperativa Fenice di Palermo e l'Università degli Studi di Palermo.
Tale modello si colloca in un ottica di integrazione tra le Istituzioni pubbliche e il privato e presuppone un lavoro di rete tra le Istituzioni, finalizzato a legare tra loro i rappresentanti dei diversi Enti che a vari titolo si occupano del fenomeno del consumo di sostanze tra i giovani, attraverso un sistema di connessioni e di relazioni interpersonali. Di fatto la collaborazione e il legame che si instaura tra gli operatori appartenenti ad Enti diversi diventa possibile collegare anche se informalmente, gli enti stessi.
Durante lo svolgimento del progetto LAPO, a partire da due ambiti emersi dal progetto DAND, quello della prevenzione primaria e quello del sostegno-supporto, giudicati dagli operatori prioritari rispetto al tema dei nuovi stili di consumo, si sono formati due gruppi che hanno dato vita a due idee progettuali, concretizzatesi succvessivamente nei progetti Lapovolando e Mai dire Not.
Le riflessioni sull'argomento trattato in questa tesi nascono dalla mia personale esperienza condotta all'interno del gruppo inter-istituzionale come osservatrice silente durante la supervisione metodologica prevista dal progetto Lapovolando.
Questa tesi invita a riflettere sul fatto che i cambiamenti imposti dalla diffusione delle nuove droghe e dei nuovi stili di consumo richiedano strategie preventive finalizzate a capire e a dare senso alle azioni dei ragazzi, per offrire loro spazi di partecipazione e di riflessione attiva su questioni che li riguardano direttamente, necessari per attivare nei giovani processi di assunzione di responsabilità e per acquisire comportamenti consapevoli rispetto all'uso di sostanze.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Negli ultimi anni il consumo di sostanze stupefacenti si è diffuso in maniera crescente tra la popolazione giovanile, soprattutto da quando si è verificato un cambiamento sia del tipo di sostanze utilizzate che delle modalità di consumo. A partire dagli anni ’90, infatti, hanno trovato ampia diffusione le droghe di sintesi o “nuove droghe 1 ”, il cui uso è compatibile con uno stile di vita “normale”, associandosi spesso alle attività del tempo libero, ed è finalizzato al divertimento e allo star bene. Da quando si sono diffuse le cosiddette nuove droghe, l’uso di sostanze stupefacenti tra i giovani ha perso la connotazione trasgressiva e contestataria propria della generazione degli anni ’70 e presenta anche delle differenze con le dipendenze tradizionali e gli scenari di emarginazione e devianza che riguardano piccoli gruppi sociali più svantaggiati. La maggior parte dei giovani consumatori di oggi, invece, fa un uso occasionale e intermittente di sostanze stupefacenti, soprattutto all’interno di contesti ricreativi. Il consumo occasionale assume, tuttavia, caratteristiche preoccupanti dovute al fatto che si tratta di un fenomeno molto diffuso, ma altrettanto poco conosciuto, poiché reso invisibile da un alone di “normalità”. Il modello di consumo attuale è per altro corrispondente al comportamento di molti adulti che spesso consumano farmaci con le stesse modalità con cui i giovani utilizzano sostanze stupefacenti, generando una sorta di dipendenza da sostanze psicoattive. “Si ha così il ritratto di una società che, in analogia con il comportamento tossicomanico, tende ad abituare l’uomo a rispondere onnipotentemente ai propri bisogni, con soluzioni di tipo magico,in un regime di immediatezza e di urgenza” (Crispi M., Mangia E., 2000). Per contrastare efficacemente la diffusione delle droghe, un ruolo fondamentale deve essere affidato alla prevenzione, con lo scopo di tentare di modificare lo stile di vita 1 Il termine nuove droghe o droghe di sintesi si riferisce a quelle sostanze psicoattive prodotte in laboratorio piuttosto che ricavate da fonti naturali, quindi raggruppa tutte le sostanze “altre” rispetto alle vecchie droghe e cioè cannabis, eroina ed alcool (Gatti R., 1998).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenti
adolescenza
integrazione
inter-istituzionale
istituzioni pubbliche
nuove droghe
prevenzione
privato sociale
progetti
supervisione metodologica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi