Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La trasformazione e la modernizzazione della Pubblica Amministrazione tramite le tecnologie dell'informazione e della comunicazione

In questi ultimi anni si è assistito alla nascita di un nuovo modello di società, la cd. Società dell’Informazione, caratterizzata da una continua e rapida evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, le quali costituiscono un importante strumento d’innovazione, capace d’incidere sulle attività e sui comportamenti degli individui e delle imprese, nonché sugli eventi sociali, economici e politici della società stessa.
L’affermarsi di un nuovo modello di società con i notevoli vantaggi che ne derivano ai cittadini, alle imprese ed alle istituzioni, rappresenta, senza dubbio, un importante traguardo e, al contempo, il punto di partenza per quel cambiamento organizzativo e gestionale della P.A. che costituisce un obiettivo preciso del programma di Governo, rivolto a migliorare i servizi per il cittadino, a rendere trasparente l’azione amministrativa, nonché consentire quel processo di crescita economica che, in un contesto caratterizzato dalla globalizzazione e dalla competitività dei mercati transnazionali, non può mancare.
Conseguenza di questa evoluzione è stata l’accentuarsi dell’attenzione dei Governi per l’Information Technology (IT) e per la sua valenza strategica come fattore di ammodernamento delle strutture pubbliche. Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono, infatti, strumento chiave per la trasformazione e l’integrazione delle amministrazioni degli Stati dell’UE, in quanto fattore abilitante del cambiamento.
Il nostro Paese è stato tra i più pronti ad avvertire l’importanza dell’ICT per l’informatizzazione pubblica e ad impostare un’adeguata politica in proposito, dovendo, tuttavia, confrontarsi con una P.A. più orientata verso fini giuridico - istituzionali piuttosto che funzionale – organizzativi.
Le novità rappresentate dall’ingresso delle nuove tecnologie nel campo del diritto, hanno, infatti, rivoluzionato numerosi istituti, modificandone radicalmente la configurazione giuridica ed hanno costretto il giurista a far proprie nozioni tecniche ed applicazioni informatiche che sembravano poco interessargli, avviando un processo di metamorfosi di cui si prevede un esponenziale sviluppo.
Tale sconvolgimento delle abitudini giuridiche e delle convinzioni dottrinali è figlio di un processo iniziato svariati anni or sono, ma che ha visto le sue applicazioni pratiche e tangibili solo in questi ultimi anni.
Attraverso l’analisi dei principali fattori innovativi, il presente lavoro vuole avere lo scopo di illustrare le potenzialità che la riforma fondata sull’applicazione delle tecnologie può avere nel più generale processo di trasformazione dell’intera P.A., orientata a diventare un’amministrazione più vicina alle esigenze del cittadino e più pronta nell’assolvimento dei propri compiti istituzionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 PREMESSA In questi ultimi anni si è assistito alla nascita di un nuovo modello di società, la cd. Società dell’Informazione, caratterizzata da una continua e rapida evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, le quali costituiscono un importante strumento d’innovazione, capace d’incidere sulle attività e sui comportamenti degli individui e delle imprese, nonché sugli eventi sociali, economici e politici della società stessa. L’affermarsi di un nuovo modello di società con i notevoli vantaggi che ne derivano ai cittadini, alle imprese ed alle istituzioni, rappresenta, senza dubbio, un importante traguardo e, al contempo, il punto di partenza per quel cambiamento organizzativo e gestionale della P.A. che costituisce un obiettivo preciso del programma di Governo, rivolto a migliorare i servizi per il cittadino, a rendere trasparente l’azione amministrativa, nonché consentire quel processo di crescita economica che, in un contesto caratterizzato dalla globalizzazione e dalla competitività dei mercati transnazionali, non può mancare. Conseguenza di questa evoluzione è stata l’accentuarsi dell’attenzione dei Governi per l’Information Technology (IT) e per la sua valenza strategica come fattore di ammodernamento delle strutture pubbliche. Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono, infatti, strumento chiave per la trasformazione e l’integrazione delle amministrazioni degli Stati dell’UE, in quanto fattore abilitante del cambiamento. Il nostro Paese è stato tra i più pronti ad avvertire l’importanza dell’ICT per l’informatizzazione pubblica e ad impostare un’adeguata politica in proposito, dovendo, tuttavia, confrontarsi con una P.A. più orientata verso fini giuridico - istituzionali piuttosto che funzionale – organizzativi. Le novità rappresentate dall’ingresso delle nuove tecnologie nel campo del diritto, hanno, infatti, rivoluzionato numerosi istituti, modificandone radicalmente la configurazione giuridica ed hanno costretto il giurista a far proprie nozioni tecniche ed applicazioni informatiche che sembravano poco interessargli, avviando un processo di metamorfosi di cui si prevede un esponenziale sviluppo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mara De Marchis Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15285 click dal 07/11/2005.

 

Consultata integralmente 71 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.