Skip to content

La cooperazione transfrontaliera e decentrata

Informazioni tesi

  Autore: Luigia Marsico
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giandonato Caggiano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

Il CAPITOLO I ha per oggetto le caratteristiche di tali enti ed il loro contributo allo sviluppo delle relazioni internazionali e transnazionali ed il loro contributo, a livello comunitario, per colmare il “deficit democratico” dell’Unione, attraverso i processi di coesione, convergenza, integrazione nell’ambito delle politiche comunitarie.
Vengono approfonditi i riflessi nell’ordinamento interno dei rapporti tra poteri pubblici centrale e periferici, improntati al principio di “leale collaborazione”, ai criteri delle riforme amministrative Viene analizzato l’impatto dei principi di sussidiarietà e decentramento, a livello di istituzioni comunitarie e di rapporti transnazionali tra istituzioni comunitarie, Stati o autonomie statali (c.d. “tre livelli” di potere) e di rapporti tra enti periferici ed omologhi di altri Stati. Il contributo delle autonomie realizza una democrazia diffusa e partecipata dai cittadini ed una maggiore efficienza dell’amministrazione pubblica, attraverso un approccio di “bottom up”, in diverse fasi e su più livelli (integrazione dall’alto e sviluppo di reti dal basso). Esso viene concretato con lo svolgimento di azioni affini a quel “potere estero” tradizionalmente attribuito allo Stato centrale, al fine di rafforzare legami interregionali e colmare i gap di sviluppo dei diversi territori coinvolti: il processo di integrazione europea evidenzia così il significato della “cooperazione” e dello svolgimento di attività cooperative e di partnership ad opera di enti subcentrali.
Tale azione si svolge su due piani. Uno strutturale, per la realizzazione delle politiche “orizzontali” di coesione e dei diversi Fondi dell’Unione. Si basa sui principi di concentrazione degli interventi per obiettivi; di programmazione, per i programmi pluriennali di sviluppo; di addizionalità, il che significa aiuto comunitario con l’impegno dello stesso Stato membro; sussidiarietà e partenariato, cioè dalla fase preparatoria all’attuazione delle iniziative è prevista una stretta concertazione tra Commissione, Stato ed autorità degli organismi competenti, a livello regionale o locale.La sussidiarietà,si pone, in definitiva, come garanzia di legittimità democratica, di trasparenza ed efficacia nello sviluppo degli enti locali e delle politiche comunitarie e degli obblighi nazionali che ne conseguono. Così, attraverso questa guide line, le regioni e gli altri enti periferici possono partecipare accanto agli organi dello Stato centrale alle fasi sia ascendente che discendente, all’iniziativa, deliberazione ed attuazione.Il CAPITOLO II riguarda gli strumenti e le modalità di svolgimento della cooperazione e dei partenariati transnazionali. Il principio di cooperazione si presenta in diverse forme. Una prima tipologia è quella c.d. transfrontaliera, inerente allo sviluppo dei rapporti di vicinato, di autonomie contigue (“frontaliere”), appartenenti a Stati diversi ma, forti di caratteristiche e problematiche comuni, in grado di instaurare dei rapporti costanti per la realizzazione di servizi comuni.Si parla, ancora, di cooperazione transnazionale, di attività svolte tra autorità nazionali, regionali e locali al fine di promuovere una maggior integrazione territoriale tra ampi raggruppamenti di regioni ( “macroregioni”), per la realizzazione di uno “sviluppo sostenibile”, anche in collaborazione con Paesi terzi. Un terzo tipo di “cooperazione” è quello c.d. “interregionale” esterno e settoriale, con finalità di miglioramento dell’efficacia di politiche e strumenti di sviluppo regionale e locale, per il conseguimento dell’obiettivo-coesione, attraverso la creazione di reti (in particolare per le zone in ritardo di sviluppo o in fase di riconversione). Infine, la cooperazione c.d. decentrata. In questo ambito si da luogo oltre che a gemellaggi, scambi di informazione e di know-hows, ad iniziative di cooperazione allo sviluppo, solidarietà internazionale ed interscambi promossi autonomamente da regioni, province autonome, comunità montane, ONG, con il sostegno finanziario dell’ONU, della Comunità Europea e del Consiglio d’Europa.Nel CAPITOLO III si passa in rassegna i rapporti gerarchici tra diritto interno statale, “substatale” e diritto comunitario.Il CAPITOLO IV passa in rassegna la legislazione e la giurisprudenza italiana, costituzionale ed ordinaria, e comunitaria sul problema del raccordo tra la sfera dei rapporti internazionali e la competenza degli enti locali, lo svolgimento delle attività “autonome”, promozionali e di rilievo internazionale, eterogenea gamma di attività accomunate dal coinvolgere, direttamente o indirettamente, soggetti omologhi fuori dalla realtà strettamente nazionale.Il capitolo IV poi, dopo aver qualificato i diversi tipi e relativi strumenti normativi ed amministrativi dei partenariati transnazionali si sofferma sul controllo e coordinamento che spettano allo Stato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
iii INTRODUZIONE La dinamica istituzionale degli ultimi anni, e sul piano degli ordinamenti interni e su un piano comunitario ed internazionale, si caratterizza per il fermento riformistico in vista ed in virtù di una sempre più estesa “interazione costruttiva” fatta di spinte convergenti ad opera di una pluralità di fattori esogeni ed endogeni appartenenti ad una pluralità di soggetti, realtà diverse in sé ma non diverse se guardate nell’ottica del processo normalmente definito in sede di dibattito internazionale di “globalizzazione”, della tensione comunitaria ed internazionale alla realizzazione dei principi della coesione e della integrazione . Allora il campo d’azione si amplia, e le autonomie all’interno degli Stati premono per il riconoscimento di una loro crescita e soggettiva e funzionale, giustificata da sempre più fitto relazionarsi internazionale e transnazionale. Così l’agire attraverso rapporti internazionali, ha permesso il farsi avanti di una serie di considerazioni sulla appropriazione da parte di queste di spazi di relazioni con altri soggetti, internazionali nonché con omologhi appartenenti a diverse realtà statali, e su un arricchimento del quadro costituzionale, da un punto di vista del diritto e dell’organizzazione interna. Col presente lavoro si intende indagare sugli strumenti a tal fine adoperati e sulle conseguenze giuridiche derivanti dal nuovo ordine di relazioni poste in essere da tali soggetti; si vuole analizzare la trama dei rapporti tra i vari livelli di potere, alla luce di una critica normativa e giurisprudenziale, in un tentativo di inquadramento di tale ordine di rapporti in un contesto di costituzionalità, per l’intrattenere queste autonomie, nella logica della cooperazione sposata ai principi di sussidiarietà e di integrazione, dei rapporti “internazionali” diretti, sia pure mediante atti il cui valore giuridico è talora discusso e comunque controverso, a tal fine, e di disamina amministrativa che parte dalla considerazione soggettiva di tali enti (si è in contrasto col principio di unità nazionale e di sovranità statale, riconoscendo loro piena soggettività internazionale?, e come muta la distribuzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autonomie territoriali / enti periferici
cooperazione e partnership
potere estero
stato: controlli e coordinamento; responsabilita’
sussidiarieta’ e decentramento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi