Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Cina nel XXI secolo: la questione dei diritti umani

Il potere autoritario del partito comunista cinese, le riforme della costituzione e la Quarta generazione. gli scenari internazionali in Asia e nel mondo, lo straordinario sviluppo economico e i rapporti di questo con l' Europa e l' Italia. Le problematiche dei diritti umani: violazioni delle disposizioni internazionali, atti di tortura, pena di morte, repressione libertà informazione, internet, le minoranze etniche e religiose, lo Xinjiang e il Tibet. il ruolo della donna nella società attuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione: Nell’immaginario collettivo, fin dai tempi più antichi, l’ Oriente simboleggiava mistero e curiosità ma, contemporaneamente, suscitava timore e rispetto per un mondo per lo più sconosciuto anche dal punto di vista geografico. Ad alimentare questo desiderio di conoscenza aveva certamente contribuito il “Milione” di Marco Polo, che aveva descritto un mondo avvolto da ricchezza e sontuosità ma che rivelerà, a seguito di viaggi successivi la vera natura del sistema politico e sociale dell’ “Impero di Mezzo”. Quest’ ultimo ruotava, in realtà, attorno a un’unica figura predominante, quella del “despota”. In questo senso apparvero molti scritti fino alle “Lettres Persanes” di Montesquieu, una critica feroce sia nei riguardi della società europea del suo tempo che nei confronti di quella orientale che, pur così distanti, risultavano accomunate dalla presenza di una figura politica autoritaria, il monarca e il tiranno 1 . I Gesuiti, giunti in Cina nel 1688, per volontà del sovrano di Francia, Luigi XIV, furono particolarmente apprezzati per le loro competenze artistiche e scientifiche. Tra essi spiccò il nome di Matteo Ricci, che si guadagnò la stima dell’imperatore Kangxi al quale donò i “mappamondi” da lui disegnati ove apparirono, per la prima volta, i vasti confini dell’ “Impero di Mezzo”. Egli contribuì pertanto ad abbozzare una prima identità del paese che noi conosciamo adesso con il nome di Cina 2 . Scrive Nicolas Fréret che “Il sovrano francese lasciò in quei luoghi degli uomini, del denaro e soprattutto delle illusioni. Egli comprese il carattere 1 S. ROTTA, Montesquieu: dalle “ Lettres persanes” all’ “Esprit des lois”, in Storia delle idee politiche economiche e sociali, volume IV, L’età moderna, Torino, Unione Tipografico-Editrice Torinese, 1975. 2 F. BERNABE’, Riflessioni sull’impatto della crescita della Cina sul resto del mondo, in C. DEMATTE’, La Sfida Cinese, Roma-Bari, Editori Laterza, 2005.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Roberto Capacci Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9612 click dal 25/10/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.