Skip to content

Studio di Fattibilità del nuovo Lanciatore Luna-Terra ''David''

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Migli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Aerospaziale
  Relatore: Amalia Finzi
  Lingua:
  Num. pagine: 132

Last year, in the summer of 2001, I took part to a parabolic flight experiment session, organized by the European Space Agency: an initiative under the name of SPFC, Student Parabolic Flight Campaign, which promoted 30 teams across Europe capable of conceiving and then to build an interesting experiment to be run in microgravity. When we first heard about the possibility of taking part to this astounding experience, my room mate, Nicola Baggio, and I asked ourselves the question: what could be really useful in space? We knew about the experiments carried through in the previous parabolic flight campaigns, and they were all interesting: not only about space technology, but also particle physics, botany, zoology. Someone even presented a special table to comfortably eat pizza without gravity! But, we said, let’s take a step further: today any space infrastructure (like the newborn ISS) depends strongly from our planet, the Earth; somewhen, in the future, this dependence will more and more loosen, with gaining growth of the space affair. A part of this step will be the production in situ of an always bigger percentage of hardware for maintenance, repairing, and for new construction. Right on this topic was eventually focused the experiment that Nicola and I proposed, an electrolytic process which produced oxygen from a solution of copper sulphate in zero-g conditions. Material processing in space starts from raw material of various kind (be it solid, liquid or even gaseous) to end with the finite element. Of course, until the time that the unique source of prime materials will be our planet Earth, there is absolutely no need of investing time and money in such a new and risky business as manufacturing in space: it is much more convenient, from here, to bring exactly what we need there, and no more: because every trip Earth to orbit is very expensive. A large part of space technology is nowadays absorbed by continuous studies on always more competitive launchers, aimed to be built exactly for the mass they are going to carry into orbit; at this regard, see the new launcher Vega, thought for the new trend of microtechnology applied on always smaller satellites; or the newest versions of the Ariane 5 rocket, conceived for carrying more satellites at the time, in a single launch. Unfortunately the intrinsic problem related to this kind of launcher remains, and that is the huge inefficiency due to the fuel to payload ratio: today the cost for sending one kilogram into Low Earth Orbit presents the prohibitive bill of 10000 US$ [Motordyne]. It appears now clear to everybody that technology in this field 3 has basically reached an optimum plateau; and this problem has no real or easy solution, and one is not expected any time soon. In the next chapters I’ll explain how the idea of David was born. However I anticipate that the main objective of this paper is to develop an idea for a new way of obtaining material for on-orbit use; we will see that we’ll suppose that this material will come from our natural satellite, the Moon; and we will try to conceive an idea for a new launcher’s conception, more competitive than the ones so far proposed. In particular detail we will study the problem of the space mechanics related to this launcher: first of all we will investigate the effective possibility of using this launcher, finding adequate launch windows and lunar sites where it could be placed. If this first try will be successfull, we will analyse David’s sensibility to the launch’s initial conditions concerning different launching targets. Moreover, we will shortly study the launcher’s mechanical behaviour in one of its most simple-to-study configuration, which is however also the dimensioning one.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
24 1- Purposes of David So far David is just an idea, a different way of launching something. My final project is about looking at this idea and beginning to see if this can be used for any application as a lunar launcher. We must outline right away two limits of such a launcher, which paradoxically derive from its advantages: 1. it has a tether of considerable length, in order to reduce centrifugal forces: therefore, unless having a very high rotating central element, launches can occur only tangentially to the ground. As a consequence, the place where this launcher is located conditions drastically the launch’s initial conditions. Having a wire rotating in a plane perpendicular to gravity can, however, represent a sensible simplification for studying the tether’s dynamics; 2. this system is thought to remain independent from Earth as much as possible; therefore the payload is not equipped with any kind of device able to correct the payload’s course after the launch: otherwise this device should be furnished constantly to the launcher before any further launch. First of all, what could the nature of the payload be? Having to deal with high accelerations Fig. F1.1: reduction of oxygen from lunar glass

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

space
atmosphere
rocket
moon
orbit
centrifuge
spin-dryer
lunar

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi