Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'effetto della preesistenza nel sistema del marchio comunitario

La preesistenza non è altro che la fusione di marchi comunitari e di identiche registrazioni nazionali anteriori da parte dello stesso titolare e per gli stessi prodotti e servizi costituendo una caratteristica peculiare del sistema comunitario. Tale concetto va interpretato in funzione dello scopo, per cui non interessa perpetuare la sopravvivenza del marchio anteriore abbandonato, ma più semplicemente, consente di staccarne l'attributo più pregiato, l'anzianità, e attaccarlo al titolo comunitario. Cos'è in definitiva la preesistenza? E' una delle figure poste al confine tra segno comunitario e segno nazionale, che fanno da cerniera e da passerella fra entrambi; serve a recuperare l'esistenza del marchio nazionale incorporandolo in quello comunitario. Questo concetto è trattato all'art. 34 RMC che interviene attingendo ai pregi di entrambi i sistemi annullando al contempo gli inconvenienti.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La materia dei marchi d’impresa è stata oggetto, negli ultimi anni, di importanti riforme che hanno modificato, in più parti ed a più riprese, la disciplina di questo istituto. Il processo, com’è noto, trae origine da iniziative assunte in ambito comunitario ove, in un primo momento si è cercato di armonizzare le diverse normative vigenti nei Paesi membri attraverso l’emanazione della direttiva 89/104/CEE; quindi, con il regolamento del Consiglio 40/94, è stata introdotta, accanto ed in aggiunta ai segni registrati in ambito nazionale, la figura del marchio comunitario, dotata di un autonomo corredo precettivo ed istituzionale. Gli effetti del menzionato processo di riforma non riguardano solamente il contenuto precettivo delle singole norme, ma rilevano anche sul piano sistematico, finendo per incidere sulle fonti e sui criteri d’interpretazione da adottare in materia di marchi. Sotto questo profilo, merita in primo luogo osservare come, a seguito dell’entrata in vigore del regolamento 40/94/CEE e del relativo provvedimento di esecuzione (regolamento 2868/95/CEE), il nostro ordinamento riconosca e tuteli una nuova fattispecie di segno distintivo interamente sottratta alla potestà del legislatore nazionale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Genny Servino Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2249 click dal 04/11/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.