Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La convenzione europea e il progetto di governance economica

La nascita della nuova Costituzione Europea firmata a Roma il 15 ottobre 2004: questo il grandioso obiettivo della Convenzione Europea. Il compito principale della presente dissertazione, la cui stesura è avvenuta in gran parte durante il vivo dei dibattiti dei Gruppi di lavoro in seno alla Convenzione Europea, è stato quello di descrivere a grandi linee ma nella maniera più fedele possibile, l'andamento dei lavori del VI Gruppo che si è dedicato al tema della "governance economica", intendendo con questo termine, il governo dell'economia dell'Unione Europea con l'analisi di tutti i suoi importanti strumenti di controllo come il Patto di Stabilità e Crescita, il coordinamento delle politiche economiche, i metodi del coordinamento aperto e della cooperazione rafforzata", strumenti necessari ai fini di un buon governo economico europeo e per la disciplina di bilancio degli Stati membri della zona euro. Il risultato che ci si proponeva con questo lavoro e che si spera di aver anche in parte raggiunto è quello di avere un quadro completo dedicato anche a coloro che non hanno seguito i lavori della Convenzione, del lavoro svolto dal VI Gruppo "governance economica" e del contributo che esso ha dato alla Convenzione europea per la stesura della neonata Costituzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’allargamento che l’Unione Europea è in procinto di realizzare è di proporzioni tali da imporre un riesame approfondito dei meccanismi europei. L’Unione deve diventare più democratica, più trasparente e più efficiente. Essa deve dare inoltre una risposta a tre sfide fondamentali: come avvicinare i cittadini al progetto ed alle istituzioni europee; come strutturare la vita e lo spazio politico europeo in un Unione allargata; come trasformare l’Unione in un fattore di stabilità e in un punto di riferimento in un mondo multipolare. Per raccogliere queste sfide occorre porre in essere degli strumenti adeguati. E’ questo il compito della Convenzione Europea. La rinnovata attualità di questo tema, con l’entrata in vigore, lo scorso 1° febbraio 2003, del Trattato di Nizza sull’allargamento dell’Unione Europea e con la firma dei Trattati di adesione di dieci nuovi Stati, al vertice di Atene del 16-17 aprile 2003, ha suggerito l’argomento di questo studio. Frutto della decisione presa in seno al Consiglio Europeo di Laeken il 14 e 15 dicembre 2001, la Convenzione - metodo di revisione già sperimentato per la redazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, firmata e proclamata a Nizza

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Iolanda Crespina Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1137 click dal 09/11/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.