Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto di lavoro del calciatore professionista

Questo lavoro si propone di analizzare il rapporto di lavoro del calciatore professionistico, mettendone in evidenza soprattutto la specialità rispetto agli altri tipi di lavoro subordinato. In particolare lo speciale rapporto di lavoro intercorrente tra società sportive e sportivi professionisti, caratterizzato dalla particolare natura dell’ attività erogata dal lavoratore, è stato regolamentato per la prima volta con la legge n. 91/1981 che, proprio per la peculiarità dell’ordinamento sportivo, ha introdotto notevoli differenziazioni rispetto alla disciplina del rapporto di lavoro subordinato. Tutte le peculiarità verranno trattate in particolare nel primo capitolo cercando anche di capire il perché di certe deviazioni rispetto allo schema del rapporto subordinato di tipo tradizionale.
Passeremo poi ad analizzare nello specifico le norme che dettano il rapporto tra la società ed il calciatore previste, oltre che da detta legge, anche dall’ Accordo Collettivo tra soggetti rappresentativi delle società sportive e dei calciatori, e dalle norme predisposte dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC). Nel dettaglio saranno trattati gli aspetti economici, sportivi e giuridici che legano il calciatore al club di appartenenza (confrontandoli con gli istituti previsti per i normali rapporti di lavoro). Ci soffermeremo poi nel terzo capitolo sulle regole e sulle vicende relative al trasferimento, analizzando l’evoluzione della posizione del calciatore professionista, soprattutto dopo la famosa sentenza Bosman, fondamentale non solo per quanto riguarda la circolazione dei calciatori stranieri, ma anche per ciò che attiene all’autonomia contrattuale del calciatore stesso. Sarà trattata anche la disciplina italiana in materia di trasferimenti nazionali e la disciplina dei trasferimenti internazionali prevista dal Regolamento Fifa sullo status e sui trasferimenti internazionali. Per ultimo passeremo alla disciplina prevista per la risoluzione delle controversie, analizzando in primo luogo il c.d. vincolo di giustizia, soffermandoci poi sulla legge 17 ottobre 2003, n. 280 sul rapporto tra giustizia statale e giustizia sportiva, per poi finire con l’analisi del procedimento arbitrale in ambito calcistico, con riferimento in particolare alla clausola compromissoria prevista dall’ Accordo Collettivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Alcuni rapporti di lavoro subordinato presentano caratteristiche particolari che li differenziano dal modello tipico tradizionale del rapporto subordinato a tempo pieno e indeterminato e, pertanto, sono definiti rapporti di lavoro speciali. La dottrina giuslavoristica infatti definisce speciali quei rapporti che, in ragione della specifica posizione del datore di lavoro e/o anche della peculiare natura dell’attività svolta, richiedono una disciplina, anche solo in parte, differenziata rispetto a quella generale dettata per il rapporto di lavoro nell’impresa, con conseguente adattamento del modello generale di tutela alla specificità del rapporto 1 . A tal proposito, questo lavoro si propone di analizzare il rapporto di lavoro del calciatore professionistico, mettendone in evidenza soprattutto la specialità rispetto agli altri tipi di lavoro subordinato. In particolare lo speciale rapporto di lavoro intercorrente tra società sportive e sportivi professionisti, caratterizzato dalla particolare natura dell’ attività erogata dal lavoratore, è stato regolamentato per la prima volta con la legge n. 91/1981 che, proprio per la peculiarità dell’ordinamento sportivo, ha introdotto notevoli differenziazioni rispetto alla disciplina del rapporto di lavoro subordinato. Tutte le peculiarità verranno trattate in particolare nel primo capitolo cercando anche di capire il perché di certe deviazioni rispetto allo schema del rapporto subordinato di tipo tradizionale. Passeremo poi ad analizzare nello specifico le norme che dettano il rapporto tra la società ed il calciatore previste, oltre che da 1 E.GHERA, Diritto del lavoro, Cacucci, Bari, 2002, 508; G. MAZZONI , Manuale di diritto del lavoro, 6 ed., Giuffrè, Milano, 1988, 1132.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Bentani Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6711 click dal 08/11/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.