Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti dell’inflazione sulle famiglie italiane: un’analisi per classi di reddito nel 2001 e nel 2004

Il fenomeno dell'aumento dei prezzi è un problema particolarmente sentito dalla collettività per le sue implicazioni sociali. In Italia, dopo l'adozione dell'euro, il dibattito sull'inflazione è ritornato di estrema attualità soprattutto per quanto riguarda l'esattezza della sua rilevazione. Proprio in corrispondenza dell’entrata della moneta unica, durante il cosiddetto Changeover, nell’opinione pubblica si è gradualmente rafforzata la convinzione che tale evento abbia determinato nel tempo un forte impatto sul livello dei prezzi. Si è visto inoltre che alle misure ufficiali dell’inflazione non è corrisposto, e non corrisponde, tuttora, l’inflazione percepita dai consumatori.
L’obiettivo di questa tesi è quello di analizzare gli effetti dell’inflazione sui bilanci di famiglia, per verificare se la proposta (proveniente da più parti) di costruire degli indici per classi di reddito abbia una qualche validità. In particolare si determina la variazione media annua dei prezzi sperimentata da ciascun decile di popolazione, data la composizione di spesa per consumi rilevata nell’anno precedente (2000 e 2003), tenendo conto della circoscrizione geografica e della dimensione delle famiglie. Per tale analisi sono state dunque utilizzate le Indagini campionarie sui consumi delle famiglie del 2000 e del 2003.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Come tutti i grandi problemi dell'economia, l'inflazione è un campo attraversato da profonde divergenze ideologiche e analitiche. Il fenomeno dell'aumento dei prezzi è un problema particolarmente sentito dalla collettività per le sue implica- zioni sociali. In Italia, dopo l'adozione dell'euro, il dibattito sull'inflazione è ritor- nato di estrema attualità soprattutto per quanto riguarda l'esattezza della sua rile- vazione. Le statistiche sull’aumento dei prezzi fornite mensilmente dall'Istat sono state for- temente contestate da più parti perché considerate poco realistiche. Le associazio- ni dei consumatori sono nuovamente preoccupate per la forte crescita dell'infla- zione in alcuni settori. L'aumento dei prezzi, infatti, riguarderebbe una consistente serie di beni ritenuti essenziali per le famiglie. Lo scopo di questa tesi è dunque quello di voler indagare sul fenomeno dell’inflazione in seguito all’avvento dell’euro in Italia, e di voler tentare un approccio di tipo diverso per il calcolo di indici di inflazione, che sia più in linea con le percezioni dei consumatori. la tesi è suddivisa in tre parti. La prima, tratta dell’avvento dell’euro e dell’inflazione registrata in seguito all’entrata della moneta unica in Italia e negli altri 11 paesi europei che hanno a- dottato tale moneta. Si fornisce una descrizione dell’inflazione percepita, della di- vergenza tra questa e l’inflazione misurata attraverso gli indici Istat e delle possi- bili cause che hanno condotto ad una tale differenza. Vengono inoltre segnalate le polemiche sull’indice dell’inflazione calcolato dall’Istat e sul paniere di beni uti- lizzato ed esaminate le possibili soluzioni per rendere l’indice più preciso.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Irene Sallusti Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2593 click dal 09/11/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.