Skip to content

La questione della morte cerebrale nell'attuale dibattito bioetico

Informazioni tesi

  Autore: Rosangela Barcaro
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Dottorato di ricerca in bioetica
Anno: 2004
Docente/Relatore: Paolo Becchi
Istituito da: Università degli studi di Genova
Dipartimento: Dipartimento di Cultura Giuridica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 212

Fino a poche decine di anni orsono, la tradizione medica e giuridica occidentali ritenevano che la morte potesse essere accertata mediante riscontro dell’irreversibile cessazione delle funzioni cardiopolmonari spontanee. Dalla prima metà del Novecento i progressi scientifici, legati principalmente allo sviluppo di tecniche per la rianimazione, hanno messo in discussione l’adeguatezza del criterio cardiopolmonare e degli esami strumentali ad esso collegati per accertare il decesso di pazienti con lesioni cerebrali tali da causare stato di incoscienza e dipendenza dalle apparecchiature per la ventilazione assistita.
Come devono essere considerati questi pazienti: vivi o morti? L’eventuale sospensione dei trattamenti rianimatori potrebbe essere causa della loro morte o soltanto un gesto imposto dal decesso, già verificatosi ma dissimulato dalla ventilazione artificiale? Possono essere utilizzati criteri alternativi a quello cardiorespiratorio per accertare la morte di questi pazienti? Quale giustificazione consentirebbe il loro impiego? Gli interrogativi ora formulati costituiscono alcuni esempi delle questioni che circa cinquant’anni fa i medici e, in modo sempre più marcato con il trascorrere del tempo, i giuristi, i filosofi, i teologi, l’opinione pubblica hanno dovuto affrontare, e delle quali oggi – soprattutto all’estero - si continua a discutere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Rosangela Barcaro 4 Introduzione 1. Premessa In ogni società umana la morte costituisce l’evento che dà inizio ad una serie di pratiche sociali, religiose, legali, e il suo accertamento richiede l’utilizzo di mezzi che consentano di stabilire con certezza quando un individuo può essere dichiarato morto. Fino a poche decine di anni orsono, la tradizione medica e giuridica occidentali ritenevano che la morte potesse essere accertata mediante riscontro dell’irreversibile cessazione delle funzioni cardiopolmonari spontanee. Dalla prima metà del Novecento i progressi scientifici, legati principalmente allo sviluppo di tecniche per la rianimazione, hanno messo in discussione l’adeguatezza del criterio cardiopolmonare e degli esami strumentali ad esso collegati per accertare il decesso di pazienti con lesioni cerebrali tali da causare stato di incoscienza e dipendenza dalle apparecchiature per la ventilazione assistita. Come devono essere considerati questi pazienti: vivi o morti? L’eventuale sospensione dei trattamenti rianimatori potrebbe essere causa della loro morte o soltanto un gesto imposto dal decesso, già verificatosi ma dissimulato dalla ventilazione artificiale? Possono essere utilizzati criteri alternativi a quello cardiorespiratorio per accertare la morte di questi pazienti? Quale giustificazione consentirebbe il loro impiego? Gli interrogativi ora formulati costituiscono alcuni esempi delle questioni che circa cinquant’anni fa i medici e, in modo sempre più marcato con il trascorrere del tempo, i giuristi, i filosofi, i teologi, l’opinione pubblica hanno dovuto affrontare, e delle quali oggi – soprattutto all’estero - si continua a discutere. Alla fine degli anni Sessanta queste domande hanno ottenuto risposte, in parte contenute in un documento, il cosiddetto rapporto di Harvard: 1 in esso erano contenuti i criteri neurologici, alternativi a quelli cardiopolmonari, per l’accertamento del decesso. L’impiego di tali criteri, nel corso di pochi anni, è riuscito a riscuotere un consenso piuttosto ampio nella comunità scientifica internazionale. Tuttavia, a distanza di anni, alcuni studiosi statunitensi sono tornati a porsi quei vecchi quesiti e a ripensare alle risposte ad essi fornite. È così accaduto che, soprattutto agli inizi degli anni Novanta del XX secolo, i criteri neurologici (chiamati anche criteri per la morte cerebrale), insieme alle giustificazioni avanzate per il loro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accertamento di morte
bioethics
bioetica
brain death
death determination
hirntod
morte cerebrale
organ transplantation
trapianto di organi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi