Skip to content

L'evoluzione dei sistemi di rating interni e delle tecniche di valutazione del rischio: il caso Fintec srl

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Di Giacomo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Mario Mustilli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 250

Il termine rating è oggi utilizzato con accezioni differenti, ed è perciò necessario un chiarimento al fine di individuare un “concetto di rating” da utilizzare nel presente lavoro. Nel contesto americano si tende a mettere in evidenza nel “concetto di Rating” un giudizio di tipo qualitativo in cui è fondamentale il giudizio dell’analista che non sia basato solo sull’elaborazione di dati. In tal senso “Ratings are applied to those types of loans for which underwriting requires large elements of subjective analysis” secondo Treacy e Carey. Nella presente trattazione per rating s’intende “la classificazione di un prenditore/emittente o di una specifica operazione in una tra più classi di rischio creditizio predefinite in modo contiguo e ordinale, di norma indicate con lettere o numeri, a cui saranno collegati tassi attesi d’insolvenza o di perdite diversi” . Così come lo abbiamo definito, il rating, può indirizzarsi a diversi soggetti economici: Stati, Regioni, Comuni, aziende, banche, prenditori, ma lo scopo resta sempre la valutazione dell’affidabilità del soggetto. Il rating è generalmente classificato in internal ed external. Il rating interno è una metodologia di credit risk management utilizzata nella gestione di un portafoglio bancario. Una banca, in sostanza, valuta l’affidabilità dei propri debitori cercando di quantificare il rischio di credito per ognuno di essi. Grazie al rating interno gli istituti di credito possono gestire i rischi propri dell’attività di lending e mettere in atto una politica di pricing volta a ridurre il costo dell’indebitamento per i prenditori più affidabili. Quando la valutazione di un soggetto è opera di una società specializzata, il rating viene definito esterno. Le società specializzate sono denominate agenzie ed esprimono un loro giudizio, dietro compenso, circa un soggetto economico o anche circa una singola operazione finanziaria. Sia il rating interno, sia quello esterno stanno cominciando a prendere piede, già da alcuni anni, al di fuori del contesto anglosassone. La diffusione delle metodologie di rating si spiega grazie ai numerosi vantaggi che esse consentono di ottenere, in primo luogo la gestione del rischio di credito nel caso del rating interno, e la maggiore trasparenza donata al mercato, per il rating esterno. Tuttavia tale crescente successo non dipende solo da fattori operativi ma anche da fattori normativi che dal 1988 ad oggi, hanno profondamente inciso sullo sviluppo del rating. Mi riferisco in particolare ai vari accordi di Basilea, emanati in ambito G10 ma accettati da moltissimi stati, volti a regolare determinati aspetti del delicato settore creditizio. Il principio base di Basilea è che, le banche, nella loro attività di landing, assumono dei rischi (d’insolvenza del debitore) i quali devono essere compensati e supportati da un’apposita “riserva” detta Patrimonio di Vigilanza. Al fine di determinare la corretta entità del Patrimonio di Vigilanza, il nuovo accordo di “Basilea 2” prevede che i rischi (di mercato, operativi e di controparte) vengano quantificati. Quindi, ad esempio, una banca con impieghi rischiosi sarà tenuta a detenere un’alta quantità di Patrimonio di Vigilanza. E’ nella quantificazione del rischio che risulta pertanto centrale il ruolo delle metodologie di rating. Vengono introdotte due metodologie alternative attraverso le quali le banche possono ottenere tale quantificazione: la metodologia “Standard” e quella “Internal Rated Based”(Irb). Nella metodologia “Standard”, le banche sfruttano il rating attribuito dalle agenzie di rating a soggetti economici che si rivolgono alla banca per un affidamento. Nel caso Irb, invece, è la banca stessa ad attribuire un rating ai propri debitori tramite un proprio sistema interno. In entrambe le metodologie, ad ogni classe di rating, corrisponde un “peso” nella ponderazione del rischio e quindi nella determinazione del capitale di vigilanza. Siccome nel nostro paese si rileva una scarsa diffusione del rating esterno, è molto probabile che le banche si orienteranno verso un sistema Irb. Anche se l’entrata in vigore di “Basilea 2” è prevista solo per il 2006, già ora le banche si stanno muovendo al fine di ideare, implementare e verificare un sistema di internal rating. Il mio lavoro di tesi è rivolto, in tale contesto di cambiamento, allo studio e allo sviluppo delle metodologie di internal rating che stanno per caratterizzare il mercato creditizio. Pur incentrando la discussione sulle aziende di credito al fine di comprenderne l’attività di concessione fidi, scopo più ampio sarà quello di capire come un’azienda in cerca di affidamento bancario, possa mostrarsi una controparte affidabile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Il termine “rating” deriva dall’inglese “to rate” che significa: giudicare, valutare. Questa attività nacque negli USA dove in principio erano valutati soprattutto commercial paper e titoli di stato. Standard & Poor’s, una delle più famose agenzie internazionali di rating cominciò la sua attività nel lontano 1860 quando il fondatore, Hanry V. Poor, propose agli investitori statunitensi un’analisi di affidabilità e qualità del credito di progetti relativi alla costruzione di canali e ferrovie. Nel 1920 nacque Moody’s Investor Service che cominciò a valutare i titoli del governo federale. Sia Moody’s sia Standard & Poor’s rivolsero inizialmente la propria attività al mercato statunitense ma ormai da diverso tempo sono presenti in modo capillare sui principali mercati internazionali. Il termine rating è oggi utilizzato con accezioni differenti, ed è perciò necessario un chiarimento al fine di individuare un “concetto di rating” da utilizzare nel presente lavoro. Nel contesto americano si tende a mettere in evidenza nel “concetto di Rating” un giudizio di tipo qualitativo in cui è fondamentale il giudizio dell’analista che non sia basato solo sull’elaborazione di dati. In tal senso “Ratings are applied to those types of loans for which underwriting requires large elements of subjective analysis” secondo Treacy e Carey. E’ importante definire subito la differenza tra rating e scoring, termini che spesso sono erroneamente usati come sinonimi. Gli scoring indicano in modo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]t

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

basilea 2
cirio
fidi
moody's
parmalat
rating
rischio
scandali finanziari
scoring
standard & poor's

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi