Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ambiente e tempo libero nella vita degli adulti.

Il tempo libero è sempre esistito in tutte le epoche e civiltà, ma risultava appannaggio esclusivo delle classi elevate, le quali, erano esonerate da preoccupazioni materiali, affidate prevalentemente alle classi inferiori.
Per lungo tempo si è ragionato in termini dualistici tra tempo libero e lavoro, l’uno in contrapposizione all’altro, o anche definito come negazione dell’altro. L’immagine del lavoro, come dura fatica, e quasi in contrasto con le peculiarità ed aspirazioni dell’uomo, è già presente nel libro della Genesi. Il lavoro, se da un lato si riveste di una valenza negativa, perché diviene espressione della condanna e segno di un qualcosa che è stato tolto all’uomo, dall’altro trova una sorta di rivalutazione per i “frutti” che consente di ottenere. All’uomo, vittima ma pur sempre superiore rispetto agli altri esseri viventi, è data la possibilità di riscatto e di tornare ad essere dominatore, mediante un uso equilibrato e ben orientato delle proprie potenzialità.
E’ questo un invito a meglio riflettere sulle dimensioni in gioco, un prodromo dell’eterno conflitto tra lavoro e tempo libero, o vuole essere una chiave di lettura per riuscire a dare spazio ad un tempo dell’uomo?
Gran parte delle azioni umane gravitano su queste due sfere ed è interessante osservare le diverse valenze di cui esse sono andate arricchendosi, per coglierne le relazioni e gli elementi venutisi nel tempo a definire.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Il tempo libero è sempre esistito in tutte le epoche e civiltà, ma risultava appannaggio esclusivo delle classi elevate, le quali, erano esonerate da preoccupazioni materiali, affidate prevalentemente alle classi inferiori. Per lungo tempo si è ragionato in termini dualistici tra tempo libero e lavoro, l’uno in contrapposizione all’altro, o anche definito come negazione dell’altro. L’immagine del lavoro, come dura fatica, e quasi in contrasto con le peculiarità ed aspirazioni dell’uomo, è già presente nel libro della Genesi. Il lavoro, se da un lato si riveste di una valenza negativa, perché diviene espressione della condanna e segno di un qualcosa che è stato tolto all’uomo, dall’altro trova una sorta di rivalutazione per i “frutti” che consente di ottenere. All’uomo, vittima ma pur sempre superiore rispetto agli altri esseri viventi, è data la possibilità di riscatto e di tornare ad essere dominatore, mediante un uso equilibrato e ben orientato delle proprie potenzialità. E’ questo un invito a meglio riflettere sulle dimensioni in gioco, un prodromo dell’eterno conflitto tra lavoro e tempo libero, o vuole

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luciano De Leo Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5419 click dal 24/11/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.