Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Segmentazione della domanda e personalizzazione del servizio: la frontiera del private banking

Negli ultimi anni è enormemente cambiato il modo di fare banca, così come è profondamente mutato il modo di gestire gli asset finanziari e di offrire determinati prodotti alla clientela. Questo mutamento è ancora in atto o meglio ancora agli inizi. Tutto il settore finanziario si trova oggi, molto più che in passato, nel mezzo di un guado strategico: conta più la dimensione o la redditività? Il mercato apprezza di più gli istituti specializzati o quelli generalizzati? E i clienti come si pongono nei loro confronti? In modo passivo o attivo e con senso critico? Prima di focalizzarmi sul settore del private banking vorrò illustrare le molteplici trasformazioni del settore finanziario nel suo complesso che hanno determinato l’evoluzione dello scenario competitivo e della relazione tra il cliente e il suo istituto finanziario. È evidente che l’intensa attenzione posta oggi da parte dei grandi istituti finanziari sul segmento private mostri il drammatico ritardo di percezione che essi hanno avuto nei cambiamenti in atto.
Quest’attenzione è un vero punto di forza verso la clientela private mentre in altri è un tentativo di recuperare redditività attraverso i servizi ad alto valore aggiunto alla clientela di un certo livello.
Il private banking in alcuni paesi (Svizzera e Inghilterra) è già storia, tradizione e cultura, in altri come l’Italia è ancora un approccio commerciale ossia un modo superficiale di attrarre clienti prestigiosi. In sintesi il private banking è già passato, in Italia rappresenta una rara eccezione. Oggi siamo nell’era del wealth management, segmento più ampio e di maggiore difficoltà realizzativa e per questo ancora più avvincente! Qualunque modello di business l'istituzione finanziaria scelga di adottare, diventa fondamentale la gestione dell'informazione, della conoscenza del cliente. È in questo senso che il ricorso alle tecnologie informatiche e di telecomunicazione diventano un’arma vincente e di differenziazione del servizio offerto al cliente. Strumenti di conoscenza e di profilazione del cliente, apertura verso l'integrazione con informazioni provenienti da fonti esterne alla banca o al sistema bancario, strumenti per la produttività del private banker, soluzioni per il risk management, soluzioni di financial planning sono solo alcuni degli strumenti il cui utilizzo o la cui integrazione in un progetto più vasto possono consentire la riduzione dei costi di gestione del cliente, lo sviluppo di un servizio di maggiore qualità e la creazione di un rapporto stabile e di alto profilo fra clientela affluent e relationship manager. In questo contesto s’inserisce il presente lavoro che, tenendo presenti queste recenti evoluzioni, andrà ad analizzare “come” e “se” il settore del private banking negli ultimi anni è riuscito, trasformandosi, a creare valore per gli stessi azionisti che hanno creduto in questo business.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 un modo superficiale di attrarre clienti prestigiosi. In sintesi il private banking è già passato, in Italia rappresenta una rara eccezione. Oggi siamo nell’era del wealth management, segmento più ampio e di maggiore difficoltà realizzativa e per questo ancora più avvincente! Qualunque modello di business l'istituzione finanziaria scelga di adottare, diventa fondamentale la gestione dell'informazione, della conoscenza del cliente. È in questo senso che il ricorso alle tecnologie informatiche e di telecomunicazione diventano un’arma vincente e di differenziazione del servizio offerto al cliente. Strumenti di conoscenza e di profilazione del cliente, apertura verso l'integrazione con informazioni provenienti da fonti esterne alla banca o al sistema bancario, strumenti per la produttività del private banker, soluzioni per il risk management, soluzioni di financial planning sono solo alcuni degli strumenti il cui utilizzo o la cui integrazione in un progetto più vasto possono consentire la riduzione dei costi di gestione del cliente, lo sviluppo di un servizio di maggiore qualità e la creazione di un rapporto stabile e di alto profilo fra clientela affluent e relationship manager. In questo contesto s’inserisce il presente lavoro che, tenendo presenti queste recenti evoluzioni, andrà ad analizzare “come” e “se” il settore del private banking negli ultimi anni è riuscito, trasformandosi, a creare valore per gli stessi azionisti che hanno creduto in questo business.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Polimeno Contatta »

Composta da 344 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5208 click dal 07/02/2006.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.