Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Operazioni di Merger & Acquisition per le aziende facenti parte del Settore della Difesa: il caso ''MBDA''

Il lavoro è strutturato in quattro capitoli. Il primo capitolo è basato su un’introduzione generale alle ragioni aziendali finanziarie e organizzative alla base delle operazioni di M&A nel settore della Difesa e sui loro possibili vantaggi economici; si vogliono mettere in risalto le peculiarità del settore della Difesa rispetto ad altri comparti, e la difficoltà di reperire risorse finanziarie adeguate per le aziende operantivi.
Il secondo capitolo approfondisce gli effetti delle operazioni di M&A, sia da un punto di vista teorico generale, sia per ciò che riguarda quello che è realmente accaduto nel settore della Difesa; si desiderano analizzare le problematiche delle ristrutturazioni aziendali avvenute nel comparto delle industrie degli armamenti, e si vogliono evidenziare i problemi della crescita aziendale, con particolare attenzione alle questioni dell’eccessiva concentrazione industriale e dell’eccessivo potere di mercato che la conduzione di molte acquisizioni potrebbe attribuire ad alcune aziende.
Nel terzo capitolo si esaminano le determinanti finanziarie delle operazioni di M&A, ossia le ragioni strategico finanziarie alla base della scelta del compimento dei processi di M&A, sempre nell’ambito delle aziende della Difesa; inoltre si esamina la convenienza finanziaria di un operazione di M&A sia dal punto di vista dell’acquirente che del venditore e si cerca di spiegare l’importanza fondamentale che va acquisendo il comparto dell’intermediazione finanziaria nel M&A.
Nel corso del capitolo si cerca di spiegare i differenti metodi di valutazione delle operazioni di M&A, con particolare evidenziazione del metodo dei DCF( Discounted Cash Flows) e le diverse norme giuridiche che regolamentano i processi di M&A in esame, per poi andare ad illustrare i principali fattori di successo che devono guidare le imprese che vogliano attuare una crescita dimensionale “ottima” sia in generale, che nel settore della Difesa in particolare.
Il lavoro viene completato, nel quarto capitolo, con un caso empirico relativo ad un’azienda che sta implementando un modello di gestione orientato alla creazione del valore. L’analisi svolta è tesa a verificare come un metodo di misura delle performance aziendali basato sulla logica del reddito residuo, abbia il vantaggio di far percepire in modo chiaro e semplice al management quali siano le leve su cui agire per favorire la creazione del valore che deve essere il fine principale verso cui orientare l’intero processo di M&A aziendale.
Lo studio eseguito all’interno di MBDA ITALIA S.P.A. ci può permettere di capire come la nascita di questa nuova azienda leader nel campo dei sistemi missilistici non sia stato frutto di un puro assemblamento di logiche aziendali diverse, ma il punto di partenza per poter gestire un processo di concentrazione industriale focalizzato sulla generazione di valore per tutti gli stakeholders.
Prova ne è l’adozione del metodo VALCOM quale strumento principe di analisi delle operazioni aziendali su commessa; metodo che deriva la sua efficacia non già dalla sua implementazione all’interno di MBDA, ma ancor prima dalla sua messa a punto all’interno dell’intero gruppo Finmeccanica, di cui MBDA è parte.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il lavoro è strutturato in quattro capitoli. Il primo capitolo è basato su un’introduzione generale alle ragioni aziendali finanziarie e organizzative alla base delle operazioni di M&A nel settore della Difesa e sui loro possibili vantaggi economici; si vogliono mettere in risalto le peculiarità del settore della Difesa rispetto ad altri comparti, e la difficoltà di reperire risorse finanziarie adeguate per le aziende operantivi. Il secondo capitolo approfondisce gli effetti delle operazioni di M&A, sia da un punto di vista teorico generale, sia per ciò che riguarda quello che è realmente accaduto nel settore della Difesa; si desiderano analizzare le problematiche delle ristrutturazioni aziendali avvenute nel comparto delle industrie degli armamenti, e si vogliono evidenziare i problemi della crescita aziendale, con particolare attenzione alle questioni dell’eccessiva concentrazione industriale e dell’eccessivo potere di mercato che la conduzione di molte acquisizioni potrebbe attribuire ad alcune aziende. Nel terzo capitolo si esaminano le determinanti finanziarie delle operazioni di M&A, ossia le ragioni strategico finanziarie alla base della scelta del compimento dei processi di M&A, sempre nell’ambito delle aziende della Difesa; inoltre si esamina la convenienza finanziaria di un operazione di M&A sia dal punto di vista dell’acquirente che del venditore e si cerca di spiegare l’importanza fondamentale che va acquisendo il comparto dell’intermediazione finanziaria nel M&A. Nel corso del capitolo si cerca di spiegare i differenti metodi di valutazione delle operazioni di M&A, con particolare evidenziazione del metodo dei DCF( Discounted Cash Flows) e le diverse norme giuridiche che regolamentano i processi di M&A in esame, per poi andare ad illustrare i principali fattori di successo che devono guidare le imprese che vogliano attuare una crescita dimensionale “ottima” sia in generale, che nel settore della Difesa in particolare. Il lavoro viene completato, nel quarto capitolo, con un caso empirico relativo ad un’azienda che sta implementando un modello di gestione orientato alla creazione del valore. L’analisi svolta è tesa a verificare come un metodo di misura delle performance aziendali basato sulla logica del reddito residuo, abbia il vantaggio di far percepire in modo chiaro e semplice al management quali siano le leve su cui agire per favorire la creazione del valore che deve essere il fine principale verso cui orientare l’intero processo di M&A aziendale. Lo studio eseguito all’interno di MBDA ITALIA S.P.A. ci può permettere di capire come

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Mignogna Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6150 click dal 28/11/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.