Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti civilistici del falso in bilancio

Il presente lavoro parte dallo studio delle funzioni di bilancio, da come si è passati dal bilancio quale semplice strumento di controllo interno, a strumento di imparizale informazione.Il crescente ruolo dell'impresa nella società ha modificato il ruolo di questo documento contabile, elevando i principi di redazione dello stesso (chiarezza e verità) a clausole generali, la cui violazione avrebbe comportanto non più la semplice annullabilità, ma la nullità della deliberazione di approvazione del bilancio.Il secondo capitolo riguarda il procedimento di formazione e sopratutto del controllo del bilancio,che a seguito della recente riforma societaria, è prerogativa di una società di revisione esterna.Il terzo capitolo invece riguarda il problema della nullità delle delibere di approvazione di bilanci falsi o non chiari, il "filtro" dell'interesse ad agire, e i requisiti per la "legittimazione" all'azione di impugnazione, e il problema dei vizi degli allegati di bilancio.
L'ultimo capitolo del presente lavoro, riguarda infine le responsabilità connesse alla redazione di un bilancio falso e l'impatto della nuova disciplina penale (art. 2621) su quella civile.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO PROFILI GIURIDICI DEL BILANCIO D’ESERCIZIO SOMMARIO: 1.1. Il bilancio d’esercizio: nozione e quadro normativo 1.2. Le funzioni del bilancio d’esercizio: evoluzione storica e pensiero economico prima della riforma del 1942 1.3. Le opinioni dottrinali e gli orientamenti giurisprudenziali prima della riforma 1.4. L’entrata in vigore del codice del 1942 e la pratica delle riserve occulte. 1.5. La funzione d’imparziale informazione del bilancio nel “nuovo corso” degli anni 70 1.5.1 Le politiche di bilancio e la pratica delle riserve occulte. 1.6. Il revirement della giurisprudenza sul principio di “chiarezza”. 1.7. La riforma del 1991 come conferma degli orientamenti giurisprudenziali e la funzione di imparziale informazione attribuita al bilancio. 1.8 Le clausole generali di redazione del bilancio e il sistema delle deroghe 1.8.1 La clausola della verità e la natura dei valori del bilancio 1.8.2. La clausola della correttezza 1.8.3 La clausola di chiarezza del bilancio 1.9 I principi di redazione del bilancio 1.10 La natura delle norme sul bilancio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Bruno Pinto Contatta »

Composta da 388 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4289 click dal 30/11/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.