Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Gruppi Parlamentari

Partendo dal concetto di Sovranità Popolare si giunge alla nascita dei Partiti politici e delle loro rispettive filiazioini politiche alle Camere, ossia i Gruppi parlamentari. Pertanto, si procede ad una attenta analisi riguardo il loro ruolo e la loro composizione, non solo a livello nazioanle, ma anche Europeo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI SULLA SOVRANITA’. La sovranità popolare, intesa come principio prevalentemente politico, ossia come “mito utilizzato per l’azione” 1 , ha guidato, nel corso dei tempi, l’evoluzione degli ordinamenti sociali 2 . Nel secolo scorso, essa si è riproposta, con particolare rilievo, alla attenzione dei giuristi, per poi affermarsi definitivamente in più di una Costituzione 3 e per essere, comunque, implicitamente presupposta nella “dimensione” degli organi rappresentativi 4 . La questione è stata oggetto di studio della dottrina francese e di quella tedesca: la prima, attribuendone la titolarità alla Nazione 5 , muove da una certa nozione di sovranità popolare, emergente dal pensiero di Rousseau, senza che ciò le impedisca di ritenere “coessenziale”, l’attiva presenza, sia pur dietro lo “schermo” della Nazione, del Popolo, inteso come entità distinta e, in certo modo, sovraordinata ai suoi governanti 6 . La dottrina tedesca, invece, riconosce la sovranità popolare in capo allo Stato 7 , rifiutando la distinzione fra quest’ultimo e il Popolo in esso organizzato; come 1 Così si espresse l'Enaudi durante i lavori preparatori all'Assemblea Costituente: cfr. Atti, II Sc., 27 settembre 1946. 2 Su questo aspetto non è opportuno qui soffermarsi: si rinvia pertanto a GALIZIA, La teoria della sovranità dal Medio Evo alla Rivoluzione francese, Milano, 1951; CROSA, La sovranità popolare dal Medio Evo alla Rivoluzione francese, Torino, 1915; MERRIAM, History of the theory of Sovereignity since Rousseau, New York, 1900. 3 Oltre alla Costituzione francese del 1791, che usava il termine ”sovrano” al posto di “popolo” sono da ricordare quella della Louisiana del 1789, secondo cui «Ogni governo trae di diritto la sua origine dal popolo, è fondato unicamente per sua volontà, è istituito solo per il bene universale e deriva i suoi giusti poteri dal consenso dei governati», e quella di Ginevra del 1847, per cui «la sovranità risiede nel popolo; tutti i poteri pubblici e tutti gli uffici pubblici non sono che una delegazione della sua suprema autorità ». Nè mancavano le Costituzioni dalle quali era avviato un positivo fondamento alla teoria della sovranità nazionale: in esse si ripetevano formule analoghe a quelle appena enunciate, sostituendo il termine « popolo » con «Nazione » (la Costituzione di Cadice, quella rumena e le Costituzioni francesi del 1793 e del 1848). 4 CRISAFULLI , La Sovranità nella Costituzione italiana, in Scritti per Orlando, Padova, 1957, I, 442, nota 30. 5 Si vedano particolarmente ESMEIN, Eléments de droit costitutionel, Paris,1921, I, 284 ss.; CARRE', Contribution à la théorie générale de L'Etat, Paris, 1922, II, 152 ss.; HAURIOU, Études constitutionnelles, la souveraineté nationale, Paris, 1910. 6 ESMEIN, op. cit., 1921, I, 299 ss., considera quali conseguenze del principio di sovranità nazionale il diritto di voto, la rappresentanza politica, il governo a struttura rappresentativa e la responsabilità dei funzionari. 7 Il primo sostenitore di quest'orientamento è stato GERBER, Grundzuge des deutschen Staatsrechts, Leipzig, 1865 (nell'ed. 1880, il tema è trattato nel §7). Il suo pensiero fu poi accolto e 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sonia Alonzo Contatta »

Composta da 296 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2471 click dal 14/12/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.