Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Isole Contese: Il conflitto Sino-Giapponese delle Isole Senkaku

Per circa un secolo, la disputa territoriale sulle Isole Diaoyutai/Senkaku fra Repubblica Popolare cinese, Repubblica di Cina e Giappone è costantemente riesplosa ed è diventata uno dei conflitti politici ed emozionali più importanti tra giapponesi e cinesi dal termine della II Guerra Mondiale.
Se è vero che la questione delle Diaoyutai/Senkaku è stata causata dalla possibile esistenza di potenziali giacimenti petroliferi nelle acque che circondano le isole, è altrettanto vero che la disputa ha anche profondi significati politici, tanto che la controversia si è trasformata in una disputa nazionalistica. Per i cinesi in particolare, essa è diventata un importante simbolo nazionalistico che ricorda le passate aggressioni militari giapponesi. Per entrambe le parti l’orgoglio nazionale ha reso difficile qualsiasi compromesso anche perché nessuno vuole cedere ritenendo di aver ragione.
La questione delle Senkaku fortunatamente non ha portato ad un conflitto militare diretto tra le parti coinvolte ma nonostante ciò, le relazioni tra esse sono comunque tese nonostante si affermi di fare tutto il possibile per mantenere la disputa ad un livello di basso profilo: nessuno dei governi può permettersi un conflitto, ma nessuno può permettersi di perdere la faccia.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 “La nostra generazione non è abbastanza saggia per trovare un linguaggio comune su questa questione. La prossima generazione sarà certamente più saggia. Essi troveranno sicuramente una soluzione accettabile da tutti.” Deng Xiaoping, 1978 INTRODUZIONE Per circa un secolo, la disputa territoriale sulle Isole Diaoyutai/Senkaku fra Repubblica Popolare cinese, Repubblica di Cina e Giappone è costantemente riesplosa ed è diventata uno dei conflitti politici ed emozionali più importanti tra giapponesi e cinesi dal termine della II Guerra Mondiale. Durante ogni crisi i governi coinvolti hanno sempre cercato di tenere la disputa sul più basso profilo possibile per evitare di rompere le importanti relazioni tra loro. Come risultato, la disputa è stata sempre messa da parte ed è arrivata fino ai giorni nostri ancora irrisolta. Se è vero che la questione delle Diaoyutai/Senkaku è stata causata dalla possibile esistenza di potenziali giacimenti petroliferi nelle acque che circondano le isole, è altrettanto vero che la disputa ha anche profondi significati politici, tanto che la controversia si è trasformata in una disputa nazionalistica. Per i cinesi in particolare, essa è diventata un importante simbolo nazionalistico che ricorda le passate aggressioni militari giapponesi. Per entrambe le parti l’orgoglio nazionale ha reso difficile qualsiasi compromesso anche perché nessuno vuole cedere ritenendo di aver ragione. Come in ogni disputa, bisogna esaminare le posizioni di tutti i contendenti prima di esprimere un giudizio.

International thesis/dissertation

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Nicolò Debenedictis Contatta »

Composta da 30 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1759 click dal 09/12/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.