Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dialettica del consumo - la teoria critica di Herbert Marcuse fra passato e presente

analisi delle dinamiche di repressione e controllo sociale alimentate dalla riproduzione artificiale del bisogno, a partire dalla sintesi delle teorie di Marx e Freud contenuta nelle opere di Herbert Marcuse, ed estensione di tale modello teorico alla critica delle forme attuali di promozione commerciale e stimolo dei consumi, in particolare del marketing management.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Perché una tesi di laurea in Scienze della Comunicazione su Herbert Marcuse? La domanda è perfettamente legittima, se si parte dalla considerazione che Marcuse, a differenza di gran parte dei sociologi del novecento, non ha dedicato esplicitamente alcuna delle sue opere all’analisi dei mezzi di comunicazione di massa, né alle enormi modificazioni da essi introdotte nell’organizzazione sociale della civiltà che li ha prodotti e che ne è stata sempre più profondamente condizionata. Per di più, egli ha sempre ostinatamente rifiutato di aderire all’impostazione metodologica che tali mutamenti hanno reso apparentemente imprescindibile nelle moderne scienze sociali: davanti al progressivo incremento dell’importanza rappresentata per queste dagli strumenti concettuali derivati dalle aree connesse con gli sviluppi contemporanei dell’apparato produttivo e amministrativo, come le teorie comportamentiste e cognitiviste e le applicazioni del paradigma dell’information processing, l’ex allievo di Heidegger ha preferito riportare l’orologio della sociologia indietro di almeno un secolo, recuperando, insieme al ruolo centrale della filosofia speculativa preteso, come vedremo, dalla sua radicale adesione alla teoria critica della società formulata da Max Horkheimer, un approccio anti-specialistico e anti-funzionale che aveva trovato i suoi ultimi rappresentanti negli autori delle grandi opere di scienza sociale tout court che il passaggio al “secolo breve” aveva visto dissolversi in un numero sempre maggiore di “-logie”. Una tesi su Marcuse, stando a queste premesse, parrebbe situarsi logicamente nell’ambito di pertinenza della sociologia specialistica, a cui l’ordinamento universitario italiano dedica (ancora) un corso di studi specifico.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabriele Crescente Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3677 click dal 06/12/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.