Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Energy Amplifier di Rubbia: gli studi per la produzione di un’energia nucleare pulita ed il loro impatto sul piano economico

L'Energy Amplifier (o Amplificatore d'Energia) è un progetto sviluppato dal Nobel Carlo Rubbia e dal suo team al CERN di Ginevra. L'Energy Amplifier è una nuova forma di energia nucleare pulita e sicura. Si tratta di un sistema guidato da un acceleratore di particelle ed ha bisogno di una fonte di neutroni esterna e continua affinché la reazione nucleare possa avvenire. L' Energy Amplifier è anche capace di bruciare scorie radioattive prodotte dai reattori nucleari tradizionali.
Il suo costo di generazione dell'elettricità è stato calcolato in base al progetto attuale del CERN e mostra come l'Energy Amplifier, qualora costruito, sarebbe il metodo più economico per produrre elettricità, quando comparato a fonti tradizioni come petrolio, metano, carbone, nucleare attuale e fonti rinnovabili.
Al contempo, l'Energy Amplifier dimostra anche di essere una fonte di energia "amica", come si evince dai suoi vantaggi nei confronti di fonti tradizionali e persino delle rinnovabili.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Nel corso della storia dell’umanità l’energia è stata una delle premesse necessarie affinché vi fosse un continuo sviluppo e miglioramento delle condizioni di vita, e tutt’oggi la disponibilità di energia è alla base della moderna società industriale. Accanto alla sua riconosciuta importanza, però, si pone una maggiore presa di coscienza dei suoi effetti sull’ambiente a livello mondiale. Per tale motivo sono attualmente in fase di studio nuovi mezzi di generazione dell’energia ed uno di essi è l’Energy Amplifier, nato dalla fertile mente del premio Nobel Carlo Rubbia e sviluppato dalla sua équipe del CERN di Ginevra. Con il presente studio si intende valutare l’impatto economico e sociale che l’Energy Amplifier avrebbe nel mercato energetico, dimostrando che esso si rivela non solo una fonte competitiva, ma anche sicura e capace di risolvere buona parte dei problemi ambientali e di opinione pubblica comuni alle energie tradizionali. Nella prima parte, composta da due capitoli, si analizzerà il mercato energetico, presentandone dapprima le diverse fonti ed in seguito la situazione a livello mondiale e regionale. Dopo una breve descrizione del collegamento esistente tra energia, economia e fisica, si passerà ad esaminare nel dettaglio le coordinate economiche che caratterizzano le fonti di energia tradizionali. Si guarderà quindi alle fonti fossili in generale, presentando i comuni problemi di risorse scarse e di emissioni di gas-serra che avvicinano a noi la “data limite” per il loro utilizzo. Dopodiché si proseguirà con l’analisi, per ogni singolo combustibile fossile, del suo share nella generazione di elettricità mondiale, del suo prezzo attuale e atteso e dei suoi principali vantaggi e svantaggi. Lo stesso procedimento viene applicato alla presentazione dell’energia nucleare, sulla quale ci si soffermerà con maggiore attenzione visto il suo stretto collegamento con l’Energy Amplifier. Quindi si procederà ad un approfondimento sulla situazione, odierna e prevista, del settore elettronucleare, tenendo conto dei diversi fattori che influiscono sul suo sviluppo, tra cui vi sono le riserve di uranio e la possibilità di usare i combustibili MOX. Si presenteranno poi le fonti rinnovabili, considerandone tanto la condizione generale, quanto quella relativa ad ognuna di esse,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Deborah Sessano Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2516 click dal 06/12/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.