Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Incidente occorso agli aeromobili Boeing MD-87 e Cessna 525-A a Milano Linate-8 Ottobre 2001

La mia Tesi di Master parla dell'incidente di Linate del 2001, approfondendo i fattori umani mediante i modelli SHELL e REASON, e anche di come è avvenuto l'incidente.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 - PARTE DESCRITTIVA DELL’INCIDENTE ING. POTENZA GIUSEPPE 1 1.1 Storia dell’incidente Il giorno 8 Ottobre 2001 alle ore 06.10 UTC 1 presso l’Aeroporto di Milano Linate si verificò il secondo più grave incidente a terra dell’aviazione civile che coinvolse due aeromobili, un Boeing MD-87, marche SE-DMA, operato dalla SAS (Scandinavian Airline System), ed un Cessna 525-A appartenente alla Società privata AIR EVEX Gmbh di Dusseldorf in Germania e con marche D-IEVX, con 118 vittime in totale. I due velivoli si trovavano parcheggiati all’aeroporto di Milano Lina- te nell’attesa di partire per le loro rispettive destinazioni, Copenhagen e Parigi Le Bourget. Sull’aeroporto erano in atto operazioni in bassa visibilità, con valori di RVR (Runway Visual Range, portata visuale in pista) intorno ai 200 metri. Il Boeing MD-87 era arrivato la sera prima alle ore 19.24, proveniente da Copenhagen, ed era rimasto parcheggiato tutta la notte sul piazzale principale, alla piazzola A13. Lo stesso equipaggio aveva iniziato il servizio alle ore 04.50 per effettuare il volo di ritorno codificato con la sigla SAS 686 per Copenhagen, con 104 passeggeri a bordo, schedu- lato alle ore 05.35 ma soggetto, quella mattina, ad uno slot di partenza per le ore 06.16. Per quanto riguarda invece il Cessna 525-A era atterrato la mattina stessa dell’incidente a Linate alle ore 04.59 proveniente da Colonia, e la visibilità generale al momento dell’atterraggio era di 100 metri, con nebbia, vento calmo, copertura totale di nubi a 100 piedi (30,48 metri) RVR di 175, 200 e 225 metri nei punti chiamati rispettivamente Alfa, Bravo e Charlie. Il pilota, dopo l’atterraggio, poiché nella fase di dece- lerazione aveva superato l’incrocio con la TWY (Taxiway, via di cir- colazione all’interno di un aeroporto) R6, chiedeva l’autorizzazione a 1 UTC (Universal Time Coordinate) è un orario internazionale in uso in campo aeronautico e pari al tempo del meridiano medio di Greenwich, indietro, alla data dell’incidente, di 2 ore rispetto l’ora locale italiana (LT=UTC+2 ore). Gli orari nella presente tesi saranno tutti UTC.

Tesi di Master

Autore: Giuseppe Potenza Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1696 click dal 15/12/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.