Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Depositi a vertebrati e terrazzi marini nella conca d'oro e nella piana di carini

Scopo del presente lavoro di tesi è quello di raccogliere ed elaborare dati, utili alla ricostruzione sia della genesi dei depositi a vertebrati fossili che delle numerose grotte che li contengono. Nello specifico verranno prese in considerazione le grotte che insistono nella piana di Palermo e di Carini.
Saranno analizzati anche i terrazzi marini correlabili alle aperture delle grotte, nel tentativo di ricavare delle età che meglio possano definire l’evoluzione dell’area.
Avremo così, da una parte la classificazione delle superfici terrazzate in ordini, in modo da poterle attribuire ad un dato intervallo di tempo, e dall’altra le grotte, la cui apertura è legata probabilmente al mare che insisteva ad una determinata quota. Solo dopo l’avvenuta apertura, i depositi a vertebrati poterono andare a fossilizzare all’interno della grotta.
Infine tutti i dati verranno tra loro correlati, con lo scopo di ottenere risultati concordanti che contribuiscano, al meglio, alla comprensione dei femenomi a cui le aree studiate sono state sottoposte.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Scopo del presente lavoro di tesi è quello di raccogliere ed elaborare dati, utili alla ricostruzione sia della genesi dei depositi a vertebrati fossili che delle numerose grotte che li contengono. Nello specifico verranno prese in considerazione le grotte che insistono nella piana di Palermo e di Carini. Saranno analizzati anche i terrazzi marini correlabili alle aperture delle grotte, nel tentativo di ricavare delle età che meglio possano definire l’evoluzione dell’area. Avremo così, da una parte la classificazione delle superfici terrazzate in ordini, in modo da poterle attribuire ad un dato intervallo di tempo, e dall’altra le grotte, la cui apertura è legata probabilmente al mare che insisteva ad una determinata quota. Solo dopo l’avvenuta apertura, i depositi a vertebrati poterono andare a fossilizzare all’interno della grotta. Infine tutti i dati verranno tra loro correlati, con lo scopo di ottenere risultati concordanti che contribuiscano, al meglio, alla comprensione dei femenomi a cui le aree studiate sono state sottoposte.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Antonio Contino Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1104 click dal 21/12/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.