Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un metodo HPLC-DAD e LC-MS/MS per la determinazione di doxiciclina in formulazioni farmaceutiche ad uso veterinario

Le tetracicline sono antibiotici ad azione batteriostatica, caratterizzate dalla presenza di uno stesso gruppo naftacenico variamente sostituito. Possiedono un ampio spettro d’azione che include batteri gram positivi e gram negativi. Vengono classificate in base alla loro durata d’azione che può essere breve (6-8 ore), intermedia (12-14 ore) o lunga (14-16 ore), come la doxiciclina. Anche l’assorbimento varia molto in base al tipo di tetraciclina e alle condizioni in cui viene somministrata. In particolare l’assorbimento delle tetracicline è fortemente limitato dalla presenza di ioni metallici bi- e trivalenti che formano con esse complessi insolubili, proprietà questa che ha creato nel corso degli anni non pochi problemi nell’analisi cromatografica di questi composti.
Il valore delle tetracicline come antibatterici nelle pratiche cliniche è stato fortemente ridotto a causa di due problemi principali: l’insorgenza di ceppi batterici resistenti, conseguenza del largo uso che ne è stato fatto, e gli svariati effetti collaterali.
Oggigiorno la doxiciclina è sempre più usata nelle pratiche cliniche per il trattamento di infiammazioni del cavo orale come le gengiviti, non per le sue proprietà antibatteriche ma piuttosto per la sua capacità di inibire il gruppo di enzimi delle metalloproteinasi matriciali (MMP).
Per quanto riguarda il loro uso veterinario sono al momento disponibili in commercio otto tetracicline, fra cui la doxiciclina, e si suppone che il loro numero crescerà ulteriormente grazie all’ampio spettro d’azione e al basso costo che queste molecole possiedono.
La UE ha stabilito i limiti massimi per i residui di sostanze derivanti da tetracicline in vari tessuti animali: 0.6 ppm nel rene, 0.3 nel fegato, 0.2 nelle uova, 0.1 nel muscolo e nel latte; questi valori comprendono la sostanza principale e il 4-epimero nel caso di oxitetraciclina, tetraciclina e clortetraciclina. Il monitoraggio di queste sostanze, ad esempio da parte del servizio di salute pubblica, è uno dei motivi per cui è necessario disporre di metodi di quantificazione precisi.
Inoltre le tetracicline mostrano una scarsa stabilità e le preparazioni farmaceutiche possono contenere piccole quantità di impurezze generate durante la sintesi a seguito di processi di deidrogenazione o epimerizzazione durante l’immagazzinamento.
Questo studio si propone di offrire un valido contributo nel controllo di qualità della doxiciclina e della sua determinazione in mangimi animali mediante HPLC; in particolare gli obiettivi della presente tesi sono stati lo sviluppo di un metodo HPLC basato su una nuova fase stazionaria polare adatta a separare la doxiciclina dalla 6-epidoxiciclina e dalla metaciclina, l’identificazione delle due impurezze (metaciclina e 6-epidoxiciclina) mediante una tecnica LC-ESI-MS e la determinazione della doxiciclina e delle impurezze correlate contenute in formulazioni farmaceutiche ad uso veterinario (Doxipan DPS).
Per quanto riguarda la separazione delle impurezze l’analisi cromatografica HPLC è stata eseguita su una colonna Phenomenex Luna C18 e su una Phenomenex Synergi 4m Polar-RP utilizzando fasi mobili sia acide (pH 2.5) che basiche (pH 8.0).
L’uso della fase stazionaria Synergi 4m Polar-RP e della fase mobile composta da acido ossalico (0.02 M; pH 2.5)/acetonitrile 82:18 (v/v) ha permesso la completa separazione di metaciclina, 6-epidoxiciclina e doxiciclina. La stessa separazione è stata ottenuta anche utilizzando la colonna Luna C18 e la fase mobile a pH 8.
Le analisi LC-ESI-MS e MS/MS, sia in polarità positiva che in negativa, sono state utilizzate per ottenere gli spettri di massa e quindi la conferma delle identità degli analiti.
Per la determinazione della doxiciclina nella formulazione farmaceutica ad uso veterinario è stato convalidato il metodo basato sull’uso della colonna Luna C18 abbinata ad una rivelazione UV a 346 nm e ad una fase mobile composta da acido ossalico 0.02 M (pH 2.5) / acetonitrile / metanolo 75:17:8 (v/v). Il campione Doxipan DPS è stato trattato prima dell’iniezione con acqua acida sotto agitazione e riscaldamento al fine di estrarre quantitativamente il principio attivo. Successivamente la miscela acida è stata filtrata con filtri da siringa (0.2 m) e la soluzione limpida utilizzata per l’analisi HPLC.
E’ stata ottenuta una buona linearità sia per l’analisi del principio attivo isolato (r2=0.9978) che della forma farmaceutica ricostituita (r2=0.9979). Inoltre le due rette sono risultate sovrapponibili e ciò indica che il farmaco viene estratto dalla formulazione con unrecupero quantitativo utilizzando il metodo proposto. L’accuratezza, la ripetibilità, la riproducibilità e la selettività rispetto alle sostanze correlate sono risultate soddisfacenti. I limiti di rivelabilità (0.00212 mg/mL) e quantificazione (0.00645 mg/mL) sono risultati adeguati al tipo di analisi. Inoltre è stata valutata la degradazione fotoindotta e termoindotta.

Mostra/Nascondi contenuto.
4INTRODUZIONE Oxitetraciclina, tettraciclina, clortetraciclina e doxiciclina (fig. 1) sono sempre più spesso somministrate ad animali da allevamento, incluse le api, come farmaci veterinari a causa dei loro vantaggi economici. Negli ultimi 25 anni sono stati riportati molti metodi analitici cromatografici per l’analisi di tetracicline in prodotti alimentari. Tuttavia molti di questi richiedono procedure complicate a causa della capacità delle tetracicline di chelare gli ioni metallici e di legare le proteine e i gruppi silanolici delle fasi stazionarie, interferendo, così, con la stabilità delle analisi. Questi problemi sono stati risolti con l’utilizzo di EDTA e acido ossalico in ogni fase analitica (estrazione, purificazione e separazione). Dall’altro lato le proprietà chelanti delle tetracicline sono state sfruttate per lo sviluppo di vari metodi di purificazione, anche di prodotti alimentari. Queste tecniche hanno migliorato molto i metodi di analisi delle tetracicline nei prodotti alimentari, tuttavia c’è ancora spazio per ulteriori miglioramenti per quanto riguarda i recuperi e la riproducibilità. Questo studio si propone di offrire un valido contributo nel controllo di qualità della doxiciclina e della sua determinazione in mangimi animali mediante HPLC; in particolare gli obiettivi sono: a) sviluppo di un metodo HPLC basato su una nuova fase stazionaria polare adatta a separare la doxiciclina dalle potenziali impurezze quali la 6- epidoxiciclina e la metaciclina; b) Identificazione delle due impurezze mediante una tecnica LC-ESI-MS sfruttando sia la ionizzazione positiva che quella negativa degli analiti; c) Determinazione della doxiciclina e delle impurezze correlate contenute in formulazioni farmaceutiche ad uso veterinario da incorporare ai mangimi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Nicola Mazzoni Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7143 click dal 11/01/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.