Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tecnologia RFID in ambito museale e naturale: il caso dell'Orto Botanico

Questo lavoro intende dimostrare l'utilità che potrà avere l'utilizzo dei tag RFID per l'Orto Botanico di Padova.
Viene dapprima presentata la tecnologia stessa: come è nata e come si è sviluppata, quali differenze ci sono tra tag attivi e passivi e tra sistemi ad accoppiamento magnetico ed elettrico, come si svolge il processo di comunicazione tra reader e tag, come si sono risolti i problemi di affidabilità e sicurezza, quali sono le maggiori preoccupazioni per il futuro (tutela della privacy e dell'ambiente).
Nella seconda parte della tesina vengono presi in esame alcuni esempi di utilizzo attuale dei tag RFID in ambito museale e naturale, presentando per ciascun caso vantaggi derivanti dall'impiego della tecnologia.
Infine viene presentata un'ipotesi di realizzazione del progetto OrtoBotanicom2: tipo di tag e loro posizionamento, server, antenna wi-fi, palmari e reader, interfaccia software dell'applicazione, interfaccia web e stima dei costi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La tecnologia RFID (acronimo di "Radio Frequency IDentification") porterà, in un futuro molto prossimo, significative novità nella nostra vita quotidiana. Noti anche come "etichette a radiofrequenza" o "etichette intelligenti", i tag RFID permettono l'identificazione univoca - e quindi la tracciabilità - degli oggetti o delle persone a cui vengono associati, trovando pertanto applicazione nei più svariati campi: ospedaliero, logistico, bibliotecario, alimentare, ecc.. Sconosciuta alla stragrande maggioranza (80%) degli Europei, quella dei chip a radiofrequenza è una tecnologia che unisce a grandi benefici alcuni problemi: recenti sondaggi indicano che i timori principali sono legati soprattutto a possibili violazioni della privacy. Lo scopo di questa tesina è quello di illustrare il funzionamento degli RFID da un punto di vista tecnico e di mettere in evidenza le possibilità offerte dal loro utilizzo in ambito museale e naturale, con particolare riguardo all'Orto Botanico dell'Università di Padova. - 1 -

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Zanon Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2116 click dal 11/01/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.