Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una visionaria signora del dolore: Anna Maria Ortese

1.1 Definizione di fantastico

Il termine fantasia deriva dal greco e significa propriamente ‘immagine’, ‘visione’. Di conseguenza, si legge in Zingarelli, il fantastico è tutto ciò «che ha mera apparenza, è infondato, non reale. È ciò che è prodotto dalla fantasia e non ha rispondenza nella realtà dei fatti » .
Alla definizione di fantastico è correlata, dunque, la parola “visione”, termine usato, sebbene a diverso grado d’intensità, sempre nell’accezione del «vedere ciò che non c’è, e che diviene visibile per intervento di fatti o effetti soprannaturali o, comunque straordinari per il testimone oculare » .
La letteratura in generale, e in particolare quella fantastica, è principalmente un’attività dell’immaginario, nella quale si verifica una rottura e violazione dell’ordine del reale, un sovvertimento di tutte le leggi della razionalità. Proprio per questo l’aggettivo fantastico designa ciò che è strano, bizzarro, stravagante e inquietante, in quanto inusuale, irrazionale . Il fenomeno dell’inquietante (das Unheimliche), che incrocia il fantastico in una vasta zona d’intersezione, è stato analizzato per la prima volta da Sigmund Freud nel 1919 .
Perturbante è per Freud tutto ciò che turba e perturba l’ordine familiare e conosciuto, ovvero l’ordine naturale delle cose. La parola Unhemliche, per il noto studioso della psiche umana, rinvia così «alla sfera dello spaventoso, di ciò che ingenera angoscia e orrore» , per cui è ovvio dedurre che se qualcosa suscita spavento in noi è proprio perché non ci è familiare o almeno noto ed esula dalla nostra comune percezione della realtà.
Partendo da questi presupposti è facile trovare una stretta connessione tra il sentimento del perturbante e l’accadimento fantastico, che sovverte tutte quelle certezze e regole che rendono la vita dell’uomo più serena e rassicurante.

1.2 La nascita della narrativa fantastica
La narrativa fantastica ha origine, a livello europeo, nell’Ottocento, grazie a una radicale trasformazione culturale e alla carica innovatrice operata dalla corrente romantica tra la fine del diciottesimo secolo e l’inizio del diciannovesimo secolo, che relega in secondo piano l’ondata illuministica e le istanze razionalistiche che hanno dominato il pensiero del secolo precedente.
La fioritura, in Inghilterra, del romanzo gotico ben riflette questi mutamenti in ambito letterario e culturale. Infatti, i tratti distintivi di questo nuovo genere sono: un’attenzione affascinata per le presenze di spiriti e fantasmi, per il mistero, per le ambientazioni lugubri, e un interesse verso la malvagità umana, le perversioni degli istinti e del carattere. Quest'immaginario gotico, con i suoi repertori di luoghi e di storie, ha ricevuto un particolare arricchimento nella Francia pre-rivoluzionaria attraverso l’opera del marchese De Sade e il suo rovesciamento perverso dell’ottimismo utopico dell’Illuminismo.
Una definizione lucida ed equilibrata del romanzo gotico è quella offerta da Fred Botting, che la definisce come scrittura dell’eccesso, che ha ossessionato la razionalità e la moralità settecentesche. Per il critico si tratta di un tipo di narrativa in cui «compaiono figure ed elementi stereotipati, che incarnano ed evocano le angosce di una cultura» .
La narrativa fantastica si sviluppa con diverse peculiarità in tutta Europa: basti pensare appunto al romanzo gotico in lingua inglese, allo Schauer Roman tedesco e al roman noir francese. Ma il paese che più di tutti gli altri produce una più equilibrata sintesi tra le varie tendenze e agisce da modello per tutta l’Europa è la Germania di fine Settecento e primo Ottocento .
Questo nuovo tipo di romanzo crea una netta scissione con gran parte delle forme narrative del diciannovesimo secolo, basate sulla formazione, educazione sentimentale, morale e intellettuale del personaggio, attraverso rapporti personali ed esperienze, in quanto ci presenta personalità doppie, lacerate, divise, frammentate e personaggi che non conoscono alcuno sviluppo, nessun equilibrio tra mente e sensi, che, anzi, spesso vengono tormentati da ossessioni e fissazioni. Volutamente esso si contrappone alla struttura ottimistica ed evoluzionistica di gran parte dei romanzi dell’Ottocento, offrendoci, invece, una struttura con improvvise rotture, buchi neri, eventi inesplicabili, nichilismo e follia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 La letteratura fantastica 1.1 Definizione di fantastico Il termine fantasia deriva dal greco Ι ∆ Θ Ω ∆ ς ↑ ∆ e significa propriamente ‘immagine’, ‘visione’. Di conseguenza, si legge in Zingarelli, il fantastico è tutto ciò «che ha mera apparenza, è infondato, non reale. È ciò che è prodotto dalla fantasia e non ha rispondenza nella realtà dei fatti » 1 . Alla definizione di fantastico è correlata, dunque, la parola “visione”, termine usato, sebbene a diverso grado d’intensità, sempre nell’accezione del «vedere ciò che non c’è, e che diviene visibile per intervento di fatti o effetti soprannaturali o, comunque straordinari per il testimone oculare » 2 . La letteratura in generale, e in particolare quella fantastica, è principalmente un’attività dell’immaginario, nella quale si verifica una rottura e violazione dell’ordine del reale, un sovvertimento di tutte le leggi della razionalità. 1 N. Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana, Bologna, Zanichelli, 1999, p. 680. 2 M. Farnetti, Geografia, Storia e Poetiche del fantastico, Firenze, Leo S. Olscki Editore, 1995, p.107.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Adele Polese Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3981 click dal 09/01/2006.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.