Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Deutschland und Italien als einwanderungslaender : Zwei Integrationsmodelle fuer Migranten in einem alten und in einem jungen Einwanderungsland am Beispiel des Integrationsprogramms der Stadt Nuernberg und des Sozialplans der Stadt Trient

Tema principale della tesi è un confronto tra la politica di integrazione per gli immigrati messa in atto in Germania e in Italia ad esempio della politica comunale di integrazione a Norimberga e Trento. Viene analizzato in che modo Germania e Italia strutturano le politiche sociali per favorire l’integrazione degli stranieri che vivono all’interno dei loro reciproci confini nazionali. Inoltre bisogna considerare che Germania e Italia sono diventati ufficialmente paesi di immigrazione in tempi diversi. Il dato circostanziale che la Germania è un paese di “vecchia” immigrazione rispetto all’Italia, che invece può venir considerata come un paese di “giovane” immigrazione, rappresenta uno dei punti di partenza principali della tesi. Si ritiene che diverse esperienze sia a livello storico, politico e socio-economico, abbiano influito sullo sviluppo della politica sociale e della politica dell’immigrazione.
Dato che entrambi gli stati sono membri dell’Unione Europea, brevemente vengono esposte le principali direttive e linee guida della politica di integrazione per gli immigrati a livello di Unione europea.
Fa seguito una definizione di concetti dove viene spiegato quello di “Migrazione” e “Integrazione”. Allo stesso tempo viene chiarito, che migrazione e integrazione sono due variabili indipendenti nel senso che migrazione e integrazione, nonostante siano strettamente legati, non dipendono uno dall’altro. Si differenzia tra integrazione e politica di integrazione. La politica di integrazione dei due stati rappresenta la materia principale della tesi.
Il caso tedesco e italiano vengono poi trattati separatamente, sia per quanto riguarda l’immigrazione che per quanto riguarda la politica di integrazione.
Dopo aver dato uno sguardo al fenomeno migratorio nei due stati, sono fatte oggetto di analisi due città. In questo modo si cerca di chiarire la situazione della politica di integrazione messa in atto.
Metodologicamente sono stati usati principi dell’analisi qualitativa e interviste personali con rappresentanti delle varie istituzioni a livello locale.
Il programma d’integrazione per gli immigrati della città di Norimberga e il piano sociale della città di Trento 2001-2005 rappresentano i documenti basilari per un confronto tra le due politiche e meglio capire il differente approccio al fenomeno. Da chiarire è inoltre il fatto che con il presente lavoro non si vuole misurare il livello di integrazione degli stranieri in Italia e in Germania, a Trento o a Norimberga, bensì presentare come le politiche di integrazione a favore degli immigrati sono strutturate nei due stati.
Il motivo principale della scelta di focalizzare, attraverso la stesura della tesi, l’attenzione sul fenomeno migratorio e sulle politiche d’integrazione è da ricondurre principalmente al fatto che la mia famiglia, seppur in tempi diversi, è stata toccata dal fenomeno in termini di emigrazione, precisamente verso gli Stati Uniti d’America e la Germania stessa. In secondo luogo l’aver trascorso un periodo di studio all’estero presso la Katholische Universität Eichstätt-Ingolstadt partecipando al programma Doppia Laurea – Doppelbachelor Studiengang Soziologie mi ha permesso di vivere di persona quelle che possono essere le difficoltà iniziali che prova qualunque straniero che si integra nella società ospitante. In terzo luogo l’esperienza lavorativa di due mesi presso il Bundesamt für Migration und Flüchtlinge - Innenministerium (Ufficio federale per la migrazione e i richiedenti asilo – Ministero dell’interno) con sede in Norimberga, Sezione Integrazione, programma di integrazione federale e principi di sostegno all’Integrazione nonché il lavoro alla Caritas di Eichstätt – Migrationsdienst (Servizio Migrazione) mi hanno conferito le conoscenze, gli strumenti, il materiale e il metodo adeguato per sviluppare la ricerca. Mi è stato dunque possibile osservare di persona in che modo viene strutturato il programma di integrazione a livello federale in Germania e come viene organizzata l’assistenza e accoglienza presso la Caritas ad Eichstätt. A Trento sono state realizzate interviste presso il Servizio Attività Sociali del Comune di Trento e presso il “Centro culturale Millevoci” della Provincia Autonoma di Trento.
A livello metodologico richiede una motivazione scientifica anche la scelta delle due città. Entrambe le città giocano un ruolo geo-politico di essenziale importanza per il territorio di loro competenza amministrativa. Sia Norimberga per l’area metropolitana circostante e Trento per la Provincia autonoma di Trento rappresentano i due capo-luoghi.
Norimberga è stata anche scelta perché li ho avuto la possibilità di condurre le ricerche empiriche; Trento per la vicinanza e perché ero interessato a capire come è strutturata la politica di integrazione per gli immigrati. A Trento ho avuto poi la possibilità di condurre interviste con i rappresentanti a livello istituzionale che si occupano del fenomeno.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Einleitung Hauptthema dieser Arbeit ist ein Vergleich zwischen der deutschen und der italienischen Integrationspolitik für Migranten am Beispiel der kommunalen Integration der Städte Nürnberg und Trient. Untersucht wird, inwieweit die Staaten Deutschland und Italien die Integration der innerhalb ihrer jeweiligen staatlichen Grenzen lebenden Ausländer gestalten. Dabei wird berücksichitgt, dass Deutschland und Italien in verschiedenen Zeiten und mit verschiedenen Geschwindigkeiten zu Einwanderungsländer geworden sind. Die Tatsache, dass Deutschland ein „altes“ Einwanderungsland im Gegensatz zu Italien ist, das hingegen eher als ein „junges“ Einwanderungsland bezeichnet werden kann, stellt einen der wichtigsten Ausgangspunkte der Arbeit dar. Es wird davon ausgegeangen, dass verschiedene Erfahrungen, sowohl auf geschichtlicher als auch auf politischer sowie auf sozioökonomischer Ebene, die Sozial- bzw. Ausländerpolitik geprägt haben. Da beide Staaten Mitglieder der Europäischen Union sind, soll auch ein Blick auf die wichtigsten Richtlinien und Leitlinien der EU-Integrationspolitik geworfen werden. Beide Staaten durften frührer eine eigene selbständige Migrations- und Integrationspolitik durchführen. Zunächst wird eine Begriffsbestimmung vorgenommen, in welcher der Begriff „Migration“ erklärt wird. Anschließend wird verdeutlich, dass „Migration und „Integration“ zwei unabhängige Variablen sind in dem Sinne, dass Migration und Integration – obwohl sie eng verbunden sind – nicht voneinander abhängen. Anders ausgedrückt wird genauer zwischen den Begriffen „Integration“ und „Integrationspolitik“ unterschieden. Die Integrationspolitik beider Staaten bzw. Städte bildet den Schwerpunkt der Arbeit. Danach werden Deutschland und Italien getrennt voneinander untersucht, und zwar sowohl was die Immigration als auch was die Integrationspolittk betrifft. Nachdem ein überblick über das Zuwanderungs- und Integrationsgeschehen in den beiden Staaten gegeben wurde, werden zwei Städte exemplarisch vergliechen. Auf diese Weise soll die reale Situation der Gestaltung der Integration der Ausländer in der Aufnahmegesellschaft verdeutlicht werden. 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Geschichts- und gesellschaftswissenschaftliche Fakultaet

Autore: Francesco Gosetti Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 944 click dal 11/01/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.